Colpo basso di Striscia a Sky. MasterChef: svelato il vincitore della finale di domani. Il talent è registrato e qualcuno ha fatto la spia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Tra Mediaset e Sky prosegue la guerra fredda. Prima le battaglie sui diritti del calcio, della Formula 1 e del Motomondiale, che ha spartito i beni al sole: sul satellite i motori, sul digitale le coppe europee. Poi il caso di Italia’s Got Talent, sottratto a Canale 5 dall’emittente di Murdoch, che lo fa ripartire dal 12 marzo con Luciana Littizzetto, Claudio Bisio, Nina Zilli, Frank Matano e la conduttrice Vanessa Incontrada. Ora ci pensa Striscia la Notizia ad aprire un altro capitolo bellico. Il programma di Ricci ha svelato il vincitore di MasterChef, il talent culinario che appassiona milioni di abbonati. Secondo Striscia sarebbe Stefano a trionfare nella quarta edizione. Il cooking show, registrato in estate, non va in diretta e quindi si è già concluso, seppure i telespettatori sono in attesa della finale di domani. A nulla sono serviti i tweet degli chef Carlo Cracco e Bruno Barbieri che chiedevano di mettere da parte “ripicche e invidie” e di rispettare gli spettatori. Inoltre Striscia ha messo sotto tiro il regolamento del talent che accetta come concorrenti solo i cuochi dilettanti, i quali non devono aver mai lavorato in un ristorante. L’inviato di Striscia ha scovato il finalista Nicolò nel ristorante milanese di Cracco, dove il ragazzo lavora. Ma questo non significa che il giovane abbia accettato l’incarico prima o durante MasterChef. Lo avrà fatto dopo. Comunque, a questo punto, diventa necessaria la diretta del format culinario, come si fa in tutti i talent che si rispettano.

L’ISOLA BATTE LA JUVE
Su Sky la partita Roma-Juventus è stata vista da 2.185.600 spettatori medi complessivi e 3.287.810 unici, per uno share del 7,44%. Se si aggiungono i 1.283.000 di Premium Calcio (con il 4,35%), l’incontro raggiunge 3.361.000 spettatori e l’11,39%. Nonostante l’ottimo risultato per una partita sui canali pay e di lunedì sera, giallorossi e bianconeri sono stati nettamente battuti dall’Isola dei Famosi che ha raccolto davanti al video 5.042.000 spettatori pari al 23,91% di share (picchi del 39,40% e tra i giovanissimi 15-24enni il 36,58%).

CUSENZA A UN PASSO DA CALABRESI

Nel periodo aprile-dicembre, secondo i dati Audipress, la Gazzetta dello Sport si conferma il quotidiano più letto in Italia (quasi 3,5 milioni di lettori), nonostante un calo del 3,7%. In crescita invece il Corriere della Sera (+2,5% e 2,6 milioni di lettori), secondo in classifica. Terzo Repubblica (+0,7% e 2,5 mln). Quarto posto per il Corriere dello Sport-Stadio, (+2% e 1,56 mln). In calo La Stampa di Mario Calabresi (questo non è certo il miglior biglietto da visita per la duplice corsa che lo vede impegnato: la poltronissima a Corriere o la Newsroom 1 della Rai). La perdita è del 6,5% e 1,32 i milioni di lettori. In forte crescita invece il Messaggero di Virman Cusenza, fresco vincitore del premio Agnes. Il quotidiano di via del Tritone sale del 5%. È al sesto posto in classifica, guadagna una posizione (superato il Carlino) e con i suoi 1,2 milioni di lettori è a un passo dal quinto posto della Stampa.  Segno positivo anche per altri due quotidiani del Gruppo Caltagirone (Mattino +2% e Leggo +0,4%). In questo periodo lo scivolone più consistente è del  Fatto quotidiano (-12%).