Con Bignardi Ballarò va al museo. Raitre in cerca di idee per rilanciare il talk show. Giannini non confermato. Ok Maggioranza assoluta su Italia 1

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Nei talk show finalmente si comincia a rivedere il sole che fa capolino tra le nuvole. Dopo aver apprezzato gli sforzi (a cominciare da Vespa e Floris) di adottare la tattica della girandola degli ospiti e degli argomenti in scaletta, ecco che si sperimentano nuovi format e altri vengono promessi dai neo direttori. Daria Bignardi, una che se ne intende, come dichiarazione di intenti appena nominata a Raitre non ha usato mezze misure: “I talk così come sono fatti oggi sono un problema generale di tutta la televisione”. Quindi facile aspettarsi una rivoluzione a cominciare da Massimo Giannini che sicuramente non verrà confermato alla conduzione di Ballarò. Ora vedremo che cosa uscirà dal cilindro di Bignardi e Campo Dall’Orto.
Un format sperimentale che potrebbe funzionare e dare una ventata di novità nel genere talk è quello di Maggioranza assoluta, andato in onda per la prima volta giovedì in seconda serata su Italia 1.

PARDO CONDICIO
Nonostante l’avvio in cui è pesato molto la sovrapposizione con Don Matteo (che poi ha fatto da traino al competitor Porta a Porta), tutto sommato il programma ha retto anche l’urto con la colonnina di ascolti. Quasi mezzo milione la media dei telespettatori con un 4,89% di share. Meglio di Virus e Piazzapulita. Il format non annoia. Si affrontano temi di attualità e si ha il fascino della gara. Il pubblico vota e c’è l’eliminazione diretta come nei talent. L’unico neo il cronometro: deve essere messo subito e non solo nella finale. è giusto che a disposizione ci sia lo stesso tempo per tutti i concorrenti. Come nei faccia a faccia elettorali va rispettata la par condicio. In questo caso la Pardo condicio. A proposito di Pardo ha dimostrato di sapersela cavare bene anche come conduttore di attualità e non solo di sport. Alla prima hanno partecipato il comico Pucci (il vincitore), Luxuria e Formigoni, i giornalisti Barra e Facci. Giovedì prossimo ci saranno Mughini, Civati, De Girolamo e altri due. Complessivamente sono arrivati 20mila voti del pubblico a casa. Molti sms e tweet (nella serata solo MasterChef ne ha avuti di più).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA