Con Renzi anche Mentana può tornare in Rai

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Calma piatta in Rai. Anche i tam tam si sono presi qualche giorno di riposo. I direttori godono di buona salute. Le loro poltrone sono ben salde. L’unica che continua a traballare è quella di Antonio Preziosi, direttore del giornale radio e di Radio 1. Del resto il dg Gubitosi è stato chiaro nell’ultima dichiarazione rilasciata all’Adnkronos: “Radio 1 è in sofferenza da tempo e ha bisogno di un rilancio. Ne stiamo parlando ed è un processo che passerà per una serie di valutazioni volte a trovare una soluzione’’. Preziosi sì o Preziosi no? L’attuale direttore è entrato in carica in quota Berlusconi e finché il Cav faceva parte delle larghe intese nessuno poteva dire nulla. Ora però Forza Italia è all’opposizione e il giornale radio affidato a un direttore non vicino alla maggioranza è un’anomalia. In Rai il Tg1 e il Gr rappresentano le due testate istituzionali, quindi vicino a governo e Quirinale. Quindi o Preziosi si esibisce in una virata o presto lascerà il suo posto a un successore. Inoltre al Gr la redazione ha più volte manifestato dissensi nei confronti del direttore e gli ascolti sono calati sensibilmente negli ultimi tempi. Motivi che fanno di Preziosi un direttore in scadenza. A Gubitosi non dispiacerebbe affatto rimpiazzarlo con Marcello Sorgi, in nome di quel partito Fiat che entrambi hanno a cuore. Ma all’altro partito, quello interno Rai, la soluzione è vista come fumo agli occhi. Il prescelto resta Flavio Mucciante, il direttore di Radio 2. Comunque Sorgi è in cima alla lista dei giornalisti in uscita dal libro paga della Stampa e quindi sta cercando una degna collocazione. Chi lo ha etichettato come un “bollito” sta sottovalutando una candidatura pesante. E i renziani? Che cosa fanno? Come si comportano? Il Rottamatore segue in prima persona la comunicazione. Prima o poi si occuperà anche di Rai. Per ora il palcoscenico è calcato da chi si sta muovendo per cambiare gli scenari. Nino Rizzo Nervo, a esempio, pontifica più ora che quando era un membro del cda Rai. Legato a Gentiloni, è spesso contattato da chi all’interno di Saxa Rubra e Viale Mazzini è pronto ad abbracciare Renzi. Molti sono ex veltroniani. Un altro renziano della prima ora è Luigi De Siervo, attuale responsabile della direzione commerciale. Mentre potrebbero entrare in Rai due alfieri della squadra del sindaco, Gaia Tortora e Marco Agnoletti. Non dimentichiamoci gli ottimi rapporti che ci sono tra Renzi ed Enrico Mentana. Non è da escludere, ora più che mai, che siano maturi i tempi per un clamoroso ritorno a Viale Mazzini del direttore del tiggì di La7. Non a caso sia Mario Orfeo sia Bianca Berlinguer hanno intensificato i contatti col segretario del Pd. Meglio prevenire che curare.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA