Condannato Mimun in Cassazione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Clemente Pistilli

Si sono difesi, dando battaglia fino in Cassazione, ma invano. I ricorsi presentati dal direttore del TG5, Clemente Mimun, e dalla giornalista Anna Boiardi sono stati dichiarati inammissibili e la condanna dei due, accusati di aver divulgato le immagini di parti offese da atti di violenza sessuale senza consenso, è ora definitiva. Un’ammenda di 3420 euro, dopo che direttore e giornalista hanno scelto l’oblazione. La vicenda riguarda il servizio mandato in onda, il 18 luglio 2007, sul colloquio tra una psicologa e i bambini presunte vittime di abusi nella scuola materna “Olga Rovere”, di Rignano Flaminio. La Cassazione ha precisato che il “sacrificio della privacy delle vittime è stato operato non sull’altare dell’interesse generale bensì per il successo della testata”. Per lo scoop.