Contagi ancora a tre cifre. Nelle ultime 24 ore se ne sono aggiunti altri 231. Speranza: “Massima cautela fino a quando non avremo vaccino e terapia”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 231 nuovi casi di contagio da Coronavirus (ieri erano stati 230). I pazienti attualmente ancora positivi, secondo il bollettino giornaliero del ministero della Salute, sono 12.456 (-17 rispetto a ieri) mentre i guariti e dimessi sono complessivamente 196.483 (+237). Scende il numero dei morti: sono 11 rispetto ai 20 di ieri per un totale, dall’inizio dell’epidemia, di 35.028 morti.

“Il nostro auspicio – ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza – è lavorare perché in un tempo breve la comunità scientifica possa darci un vaccino e terapie adeguate che ci consentano di risolvere in via definitiva questa battaglia. Lavoriamo, stiamo investendo anche come governo sia per la ricerca del vaccino sia sulla ricerca di terapie. Fino a quando non avremo né vaccino né terapia abbiamo bisogno di un atteggiamento di massima cautela”.

“E dove si dovessero verificare focolai – ha aggiunto -, come sta avvenendo qua e là nel Paese, dobbiamo essere prontissimi a intervenire nel più breve tempo possibile perché più si interviene con determinazione e meno il virus si diffonde. Il nostro auspicio è che non si arrivi più a una chiusura totale, però questo non sta scritto nel cielo, ma dipende da noi prima di tutto dai comportamenti di ciascuno di noi a rispettare queste regole essenziali delle mascherine, del distanziamento, del lavaggio delle mani, perché quelle ci possono mettere in condizione di gestire la fase di convivenza col virus”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA