Coronavirus, Speranza: “È ancora dura ma grazie alla campagna vaccinale possiamo guardare al futuro con fiducia. Ottimista per l’estate”

resoconti task-force Speranza
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“E’ stato un anno difficilissimo per tutti, per tutti i nostri concittadini, è stata durissima. Vediamo che oggi abbiamo nuovi strumenti, dobbiamo guardare al futuro con rinnovata fiducia. E’ ancora dura ma grazie alla campagna vaccinale possiamo guardare alle prossime settimane con fiducia”. E’ quanto ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, intervenendo a Domenica In su Rai1 a proposito dell’epidemia di Coronavirus e della campagna vaccinale.

“Già da 48 ore le vaccinazioni sono riprese in tutta Italia anche con Astrazeneca – ha detto ancora l’esponente dell’Esecutivo -, e la risposta è incoraggiante e buona. La stragrande maggioranza delle persone è consapevole che questa è la strada per uscire da questa situazione drammatica. Dopodiché continueremo a monitorare”.

“Gli italiani sono ben consapevoli che se vogliamo tornare alla vita di prima – ha sottolineato ancora Speranza -, la soluzione è il vaccino. Dobbiamo essere sicuri al 100% che se i vaccini sono somministrati nei nostri presidi sono davvero efficaci e sicuri. Noi continuiamo a controllare”.

“Nelle categorie in cui abbiamo iniziato a vaccinare – ha evidenziato ancora il ministro della Salute – i numeri sono molto incoraggianti, la curva del contagio è crollata in maniera significativa. La risposta vera sul campo è che il vaccino è l’unica soluzione e che dobbiamo accelerare. Io spero, allo stesso tempo, di poter ridurre presto le misure restrittive che in questo momento sono ancora indispensabili”.

Per quanto riguarda le prossime vacanze estive Speranza si è detto “ottimista”. “Sono convinto – ha proseguito il ministro della Salute intervenendo a Domenica In – che nel corso della primavera, ma anche con l’estate vedremo un miglioramento significativo. Sicuramente faremo un’estate diversa rispetto al periodo attuale. Ci sarà comunque bisogno di gradualità, non scomparirà tutto in un giorno ‘X’, ma con l’arrivo del vaccino il problema potrà essere superato. Credo che da qui alla fine dell’estate avremo un quadro completamente diverso da quello di questi giorni”.