Corteo del 1° maggio vietato in Turchia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Con cannoni ad acqua e gas lacrimogeni la polizia turca ha disperso alcune centinaia di manifestanti che tentavano di radunarsi in piazza Taksim a Istanbul, protestando contro il divieto di tenere manifestazioni del primo maggio in un luogo che è ormai un simbolo della protesta anti-governativa. Almeno 130 persone sono state arrestate e 51 ferite in modo lieve a Istanbul nel corso degli scontri.

La polizia turca ha disperso a colpi di cannone ad acqua e gas lacrimogeni alcune centinaia di manifestanti che avevano tentato di radunarsi in piazza Taksim a Istanbul, sfidano il divieto governativo di tenere manifestazioni del primo maggio nel luogo divenuto simbolo della protesta anti-governativa. La polizia è in assetto anti-sommossa.

Già all’alba nei quartieri di Sisli e Besiktas le forze di sicurezza hanno bloccato i dimostranti in marcia con i blindati. Alle 7 gli scontri si erano estesi ad almeno 14 punti della città e tutti gli accessi alla piazza sono stati chiusi dagli agenti, che in alcuni casi hanno lanciato gas lacrimogeni e hanno sparato proiettili di gomma per disperdere i manifestanti più irriducibili.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA