Crisanti stende Zaia. I tamponi fai-da-te sono una farsa. “Stiamo banalizzando una cosa serissima paragonandola a un test di gravidanza”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Con una presentazione show (leggi l’articolo), il presidente del Veneto Luca Zaia ha lanciato ieri il tampone fai-da-te che a suo dire potrebbe contribuire ad arginare la seconda ondata del Covid-19. Peccato che questa procedura non piaccia affatto al microbiologo Andrea Crisanti (nella foto), artefice del miracolo di Vo’ Euganeo, che ha detto: “Penso che in un’epidemia la tracciabilità e l’identificazione dei contatti sia un caposaldo. Questa (procedura, ndr) non credo sia una cosa seria”. Per il professore dell’università di Padova “stiamo banalizzando una cosa serissima di sanità pubblica, paragonandolo a un test di gravidanza” e a chi gli fa presente il rischio di persone che si fanno il tampone a casa e poi, anche se positive, se ne vanno in giro ha dichiarato: “Esatto, siamo alla follia più totale”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA