Crocetta telefona all’Espresso: datemi 10 milioni per la telefonata che non c’è

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Crocetta contro l’Espresso che ha pubblicato una presunta intercettazione in cui il governatore resta in silenzio davanti alle affermazioni del suo medico che direbbe, da quanto rivelato dal settimanale, “Lucia Borsellino deve fare la stessa fine di suo padre”, il giudice giustiziato dalla Mafia 23 anni fa. Passa al contrattacco il presidente della Regione Siciliana: “”Faremo un’azione civile risarcitoria chiedendo a L’Espresso 10 milioni di danni”, ha detto in conferenza stampa, a Palermo, il legale del governatore siciliano Rosario Crocetta. Ma c’è di più perché oltre all’azione risarcitoria nei confronti de L’Espresso, il legale Vincenzo Lo Re ha annunciato querela in sede civile per Il Fatto Quotidiano e per il giornalista Pietrangelo Buttafuoco, con la richiesta di un milione di euro di risarcimento per l’articolo in cui Antonio Presti chiamerebbe il governatore “bottana”. E ancora denuncia in sede penale pure al senatore Maurizio Gasparri per le sue dichiarazioni ritenute diffamatorie su Crocetta dopo la vicenda della telefonata pubblicata.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA