Crozza e Floris, le stelle di Cairo. La7 cresce negli ascolti in prima serata e al mattino. Myrta Merlino, partenza record. Gruber in affanno

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’estate 2015 è da incorniciare per Urbano Cairo. Il Torino va a gonfie vele e La7 continua a vivere un momento magico negli ascolti. Sulla scia dell’estate anche la stagione autunnale è salpata col piede giusto. Chi è partita con il turbo è Myrta Merlino. La sua Aria tira davvero, visto che può già sfoggiare medie vicino al 7%. Il ritorno di Giovanni Floris ha fatto segnare un +30% rispetto all’esordio di un anno fa. Il 4,49% di share (con una media di quasi 900 mila spettatori) non è il massimo ma è un ottimo punto di partenza. Se poi si considera il dato della prima serata (5,21%) Cairo ha di che festeggiare. Il target al 3% è ormai solo un lontano ricordo. Nelle 24 ore la media della rete è del 4,2%. Al mattino si confermano i buoni risultati di Omnibus e Coffee Break. Chi invece non ha ancora carburato come negli anni scorsi è Lilli Gruber. Il suo Otto e mezzo (forse per la concorrenza di Del Debbio su Retequattro) stenta a decollare.
Rispetto a Ballarò, che però resta ancora davanti rispetto a diMartedì, avendo totalizzato una media di 1.095.000 spettatori (5,13%), si può dire che Floris ha invece vinto la sfida della qualità e del restyling del vecchio talk. Il regista Alessandro Renna e la scenografia curata da Marco Calzavara hanno allestito un impianto scenico originale e funzionale per il talk di La7. La passerella, in stile Costanzo, degli ospiti in fase di presentazione è una buona trovata. Quello che stona un po’ sono gli applausi di parte che abbiamo ascoltato durante l’intervista della Camusso. A ogni parola si metteva in moto la clap. Roba che non si sente neanche ai comizi. Ballarò è migliorato rispetto alla scorsa stagione ma si vede che è un talk ancora con i lavori in corso.

PREMIUM BRINDA IN CHAMPIONS
La vittoria della Juventus nell’esordio di Champions League 2015 ha segnato ascolti record per Mediaset Premium. La partita, in esclusiva sul canale pay del Biscione, è stata vista da una media di 800.800 appassionati (3,21% di share).

CRESCE TIVÙSAT
L’uscita dal satellite Sky dei canali generalisti di Mediaset ha dato una mano a Tivùsat che a sei anni dalla sua nascita supera il traguardo delle 2,5 milioni smartcard gratuite attivate. Gli utenti oggi ricevono 69 canali televisivi nazionali, internazionali e locali, 7 canali in alta definizione.

AMADEUS CENTRO DI GRAVITÀ
Dopo anni di purgatorio televisivo Amadeus sta vivendo la sua stagione più ricca. Anche lui, come Frizzi, Greco, Insegno e tanti altri, è resuscitato grazie alla partecipazione al Tale e Quale show di Carlo Conti. Dopo i successi di Reazione a catena, Amadeus è impegnato in Mezzogiorno in famiglia e nel comedy show di prima serata di Raidue, quel Stasera tutto è possibile, prodotto da Endemol Italia, cresciuto di oltre 3 punti di share e di 600 mila spettatori in una settimana: 2.286.000 con il 10,46% di share nella seconda puntata, quanto Giannini e Floris messi assieme e battuto solo dalla fiction delle reti ammiraglie.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA