Dai Parioli all’Aquila, è boom di baby prostitute. Sesso in cambio di una ricarica telefonica

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo il dramma delle baby prostitute nel quartiere in di Roma dei Parioli l’allarme scatta anche all’Aquila. Dove le ragazzine si vendono per molto meno. Bimbe, anche sotto i 14 anni, che fanno sesso in cambio di una ricarica telefonica. A lanciare l’allarme un medico aquilano. “Un fenomeno drammatico legato alla crisi”, riferito dal vescovo ausiliare dell’Aquila, Giovanni D’Ercole, dopo un colloquio col medico, e sul quale le forze dell’ordine indagano.

Il medico avrebbe denunciato tutto alle forze dell’ordine. Il vescovo ha fatto appello affinché “si incoraggino i ragazzi a parlare con gli adulti, gli insegnanti, i sacerdoti, gli educatori in modo tale che si possano prevenire certi fenomeni. Il disagio deve essere una delle più grandi preoccupazioni per noi adulti”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA