Dazn, abbonamento premium e standard: prezzi in aumento e la scelta sui dispositivi in contemporanea

Dazn, abbonamento cambia a seconda dell'utilizzo che l'utente vorrà fare con due dispositivi da utilizzare in contemporanea.

Dazn, abbonamento duplice offerto a partire dal 2 agosto 2022. Le nuove proposte nascono per combattere la pirateria e tutelarsi dall’utilizzo di account multipli. Ecco cosa prevede la nuova offerta della piattaforma sportiva streaming.

Dazn, abbonamento premium e standard: prezzi in aumento e la scelta sui dispositivi in contemporanea

Dazn, abbonamento premium e standard: prezzi in aumento

Dazn ha annunciato il nuovo pacchetto abbonamenti per la stagione 2022/2023 con alcune novità. Purtroppo per gli utenti e in particolare per gli appassionati di calcio c’è un aumento dei prezzi. Il totale di dispositivi saranno sei. Ci sono in particolare due formule previste che prevedono due offerte leggermente diverse per quanto riguarda la fruibilità:

  • La formula “Standard”, da 29,99 euro, consente di seguire le gare da due diversi schermi connessi alla stessa rete Internet di un’abitazione
  • La formula “Premium”, che costa invece 39,99 euro, permette a due dispositivi di accedere nello stesso momento anche se collegati a reti diverse.

La scelta sui dispositivi in contemporanea

Ci sono novità anche riguardo la scelta sui dispositivi da poter utilizzare in contemporanea. Dalla prossima stagione, sarà possibile vedere l’abbonamento su due dispositivi diversi e collegati su due reti di internet diverse solo se si possiede la formula premium.

Mentre sarà possibile vedere l’abbonamento su due dispositivi diverse e collegati alla stessa linea di internet con la formula standard che costerà, appunto, 10 euro in meno al mese. La scelta presa da parte di Dazn per tutelarsi contro l’utilizzo di account multipli.

Leggi anche: Stop vendita auto benzina e diesel entro il 2035, via libera del Parlamento europeo: cosa cambia per i Paesi dell’Unione Europea

Pubblicato il - Aggiornato il alle 15:06
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram