Del Debbio, ok il talk è giusto. Quinta Colonna al pit stop dopo un autunno su di giri. Share in crescita con periferie, sicurezza e case occupate

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La prima parte della lunga stagione dei talk politici si avvia alla sosta natalizia. Dopo un autunno davvero caldo, almeno dal punto di vista del calo degli ascolti, ci si ferma per ricaricare le pile. Per i programmi di prima serata più gettonati come Servizio pubblico e Ballarò è stato un bagno di sangue. Non è andato bene neanche il tanto atteso DiMartedì con Giovanni Floris, mentre si sono difesi a denti stretti Piazzapulita di Corrado Formigli e Virus di Nicola Porro, mentre l’avvio di stagione è stato deludente anche per Giulia Innocenzi con Announo e Gianluigi Paragone con la Gabbia. Anche se questi ultimi due vanno giustificati per lo share non all’altezza delle aspettative. Della Innocenzi va ammirato il coraggio di buttarsi nella mischia. Per quanto riguarda Paragone invece va detto che la domenica in prima serata non è certo la collocazione ideale per un talk politico. Quindi per lui ci sono tutte le attenuanti del caso.

IL VERO
VINCITORE
Chi invece può lucidarsi le spalline e le medaglie sul petto è Paolo Del Debbio. Ha cavalcato la protesta delle piazze. Ha per primo parlato di sicurezza, criminalità, occupazione delle case, campi rom. Ha trovato un’ottima spalla nell’inviato Roberto Poletti. Ha sdoganato le parolacce (della serie Quanno ce vo’ ce vo’), ha colloquiato con la gente come fosse al bar. E a proposito di ospiti ha cercato almeno in parte di far entrare una boccata d’aria nuova nello studio.

LE PUNTATE PIÙ VISTE
Contrariamente a quanto sia facile intuire, la divertente puntata con Matteo Renzi non è stata la più vista (6.37% e 1.443641). Superata, pensate un po’, dalla puntata con ospite Giovanni Toti, in cui si è parlato di tasse (1.446.216 e 6,41%). Ottime performance anche per Matteo Salvini (6.16% e 1.309.956) e per Giorgia Meloni (6.12% e 1.385.534). Del Debbio ha ospitato anche Boschi, Bindi, Carfagna, Alfano. Ha riscosso successo anche l’angolo del cercolavoro, in cui erano in studio le aziende alla ricerca di personale. Quinta Colonna di Retequattro ha battuto sempre il competitor Piazzapulita di La7. Complessivamente ha ottenuto una media di 1.248.454 spettatori, risultando il secondo talk più visto della stagione (a soli 300.000 dalla vetta e con ascolti in costante crescita: +29% dalla puntata d’esordio del 8 settembre a quella del primo dicembre). Il picco di ascolto si è registrato nella puntata del 24 novembre con 1.600.000 telespettatori, incollati fino a mezzanotte quando si parlava degli sgomberi a Milano e delle case occupate.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra i 5S e il ponte

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA