Stroncato dalla terza dose. Deliri No Vax su Sassoli. I negazionisti non risparmiano neanche il presidente del Parlamento Ue scomparso ieri per una grave malattia

No Vax Sassoli
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Purtroppo da anni vige in questo Paese un equivoco profondo che diviene facile baluardo di delinquenti, mattarelli e strambi vari e cioè che la democrazia sia fare come meglio aggrada. Equivoco alimentato peraltro da ettolitri di buonismo radical chic che hanno solo portato benzina a gruppi di pericolosi intolleranti, barracuda della stupidità. Intendiamoci, il fenomeno No Vax è solo la punta di un iceberg che ha come base quella che viene chiamata la “dittatura delle minoranze”.

Da un certo tipo di veganesimo scriteriato e violento, ai “naziciclisti” che aggrediscono gli automobilisti o gente che lascia liberi animali pericolosi che aggrediscono le persone nei parchi in nome di una presunta “libertà”. Si tratta di una perdita della ragione progressiva e ineluttabile che ha infettato l’Occidente.

L’ultima dei no vax è che il presidente del Parlamento Europeo David Sassoli, morto ieri per le conseguenze di una grave malattia (leggi l’articolo), sia stato stroncato dall’inoculazione della terza dose del vaccino. È bastato la notizia del suo decesso perché in poche ore il web, come al solito, si riempisse di fake news, odio, violenza e stupidaggini assortite firmate dal popolo No Vax (leggi l’articolo).

Il problema è che a queste persone disturbate mentalmente (ci sono ricerche scientifiche serie che lo provano) si sono subito affiancati gli immancabili “cattivi maestri”, come Paolo Becchi, professore universitario di Genova, che ha appoggiato la tesi complottista della “tirannia sanitaria”, alla ricerca di un microgrammo di visibilità ogni volta che può.

Un plauso a Enrico Mentana, direttore del Tg di La7 che ha denunciato un tweet farneticante (qui il suo post su Instagram), acido e violento contro il giornalista: “Sassoli, ma i vaccini non proteggevano da conseguenze gravi? Sono tanto felice”. Immediata la sua replica: “Caro Twitter, cara polizia postale, mi aiutate a identificare questo ignobile essere, in modo da poterlo denunciare? Già che ci sei, caro Twitter, non sarebbe il caso di accompagnare all’uscita lui/lei e i 21 vigliacchi che hanno messo “mi piace”?

Abbiamo permesso ad una minoranza violenta e rissosa di esprimersi democraticamente e questo è il risultato. Dita degli infermieri staccate a morsi da No Vax indemoniati e ancora stiamo a parlare di gente che stupidamente mette a rischio la sua salute (e di questo non ce ne importa un fico secco), ma soprattutto quella degli altri occupando posti letto in ospedale e rubandoli a chi invece è vaccinato”.

A MALI ESTREMI… Certi soggetti sguazzano nel ventre molle della democrazia ed occorre fermarli prima che i danni che apportano sia inemendabili. L’ignobile farsa che vede coinvolto Sassoli è solo la cartina di tornasole di un delirio di pochi su cui si innestano destabilizzatori professionisti che cercano da anni qualsiasi appiglio per attaccare e delegittimare lo Stato, in questo c’è poca differenza con la stagione del terrorismo, solo che adesso, invece delle P38, utilizzano l’assenza di mascherine e di vaccinazione.

Uno Stato forte che ha vinto il terrorismo e combattuto la mafia dovrebbe avere il coraggio di fare leggi specifiche contro i violenti che utilizzano proprio la democrazia per sferrare in loro attacco contro l’intera società. Attacco alimentato da un insaziabile odio sociale e basato su un irrazionalismo naturista di ritorno che sta avvelenando il mondo intero. La scienza ha salvato l’umanità. E lo sta facendo anche questa volta. è ora di interrogarci se sia il caso di concedere ancora spazio a chi vuole solo distruggerci.