Depistaggi caso Cucchi, anche l’Arma dei Carabinieri e il Ministero della Difesa chiedono di costituirsi parte civile

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’Arma dei carabinieri e il ministero della Difesa hanno presentato istanza di costituzione di parte civile nel corso dell’udienza preliminare che vede coinvolti 8 carabinieri, tra cui anche alcuni ufficiali, accusati di depistaggio per la morte di Stefano Cucchi. Il Gup si è riservato di decidere. La stessa istanza è stata presentata anche dalla famiglia Cucchi, dall’appuntato Riccardo Casamassima, dagli agenti di polizia penitenziaria, dal sindacato dei Militari e da Cittadinanzattiva.

“Questa, dopo dieci anni – ha commentato Ilaria Cucchi -, è una giornata estremamente significativa. Sono emozionata per il fatto che oggi l’Arma dei carabinieri abbia chiesto di costituirsi parte civile al fianco della famiglia Cucchi. E’ una cosa senza precedenti e la dedico a tutti coloro che continuano a insinuare che la famiglia Cucchi sia contro l’Arma dei Carabinieri o viceversa”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA