Serie A, inciucio a furor di popolo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Diritti Serie A, alla fine il buon senso ha prevalso. Almeno così sembra. Tutti i personaggi in cerca di autore nella commedia (diventata farsa all’apertura delle buste) si sono adoperati per far sì che gli abbonati possano vivere felice e contenti le loro partite in tv. In pratica la Lega calcio, Sky e Mediaset possono ritenersi soddisfatti a metà. Meglio accontentarsi che rischiare di perdersi in una giungla. La Lega di Serie A rinuncia a 150 milioni di euro ma evita l’annullamento dell’asta. Incassa 945 milioni di euro: 572 da Sky, gli altri dal Biscione. Fino a ieri mattina c’era sul piatto più di un miliardo. Sky si aggiudica il pacchetto A per il quale aveva già presentato l’offerta più alta e quello D per il quale la sua offerta era risultata terza, alle spalle di Mediaset e Fox. Quindi l’emittente di Murdoch si aggiudica tutto il campionato sul satellite fino al 2018. Resta sulla sua piattaforma e non dovrà cimentarsi sul digitale terrestre, affittando un multiplex per poi avere i canali pay. Il ddt resta in appannaggio di Mediaset Premium, al quale però non vanno tutte le squadre ma le migliori 5 (Juve, Milan, Inter, Napoli e Roma) più altre tre. Complessivamente l’86% dello share. E non dovrà andare sul satellite e chiudere Premium, come sembrava dovesse finire. Mediaset che per il lotto B aveva offerto meno di Sky e Fox. E ora se lo ritrova. Nella trattativa ha ceduto il pacchetto D, quello delle squadre cosiddette minori, ma ha tenuto stretto l’esclusiva della Champions League dal 2015 al 2018. Ora se non ci saranno contestazioni e l’Agcom darà il via libera alla sub licenza si chiude una brutta pagina del calcio in tv. Con l’autogol di Sky e Mediaset che pur di farsi i dispetti hanno rischiato di complicare la vita alle aziende e gli abbonati. All’apertura delle buste lo scorso 5 giugno era emerso che Sky aveva presentato le offerte più alte per i pacchetti A e B, quelli con le migliori squadre su satellite e digitale terrestre, mettendo sul piatto 779 milioni di euro. Il Biscione, invece, aveva depositato un’offerta più bassa per entrambi i lotti, puntando forte sul pacchetto D, quello con le altre 12 squadre. Ma come regola era stabilito che i due pacchetti con le big non sarebbero potuti andare allo stesso gestore.

Basket, scudetto
su Rai3 dopo 10 anni
Dopo 10 anni la finale scudetto del basket torna in diretta sulla Rai. La grande sfida tra Emporio Armani Milano e Montepaschi Siena riporta la pallacanestro sulle reti generaliste della tv di Stato. La bella scudetto è trasmessa alle 21.15 su Raitre e Rai Hd. Non accadeva dal 5 maggio 2004 quando sempre Raitre trasmise la finale gara 3 tra Montepaschi Siena e Skipper Bologna.