Nelle discoteche solo con il green pass. In arrivo la data di riapertura. L’associazione dei gestori: “Il Viminale vigili sull’abusivismo. Decine di locali sono già aperti”

discoteche Costa
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sulla riapertura delle discoteche “ho appena avuto un colloquio con il ministro Speranza”, ha detto a Rtl102.5 il sottosegretario alla Salute Andrea Costa (nella foto). “Questa settimana – ha aggiunto l’esponente dell’Esecutivo – indicheremo una data in cui le discoteche potranno tornare a fare le loro attività, perché questo settore è ad oggi, rimasto l’unico senza avere una prospettiva e credo sia dovere della politica dare una risposta anche a questo settore. Entro i primi dieci giorni di luglio le discoteche potranno aprire e penso che il criterio del green pass possa esser applicato anche alle discoteche”.

“Ci aspettiamo di poter riaprire il 4 luglio, perché andare oltre sarebbe insostenibile. Ci aspettiamo buonsenso” ha detto Maurizio Pasca, presidente del Silb, l’associazione di categoria dei locali con sale da ballo. “Il Governo – ha aggiunto – non ci faccia perdere il primo week end di luglio perché le nostre attività sono aperte al massimo due volte a settimana. Per il Paese quella data non cambierebbe nulla, ma a noi tanto. Anche perché la gente già va lo stesso a ballare in decine di locali che, tra l’altro, sono aperti senza green pass. Quindi ci facciano riaprire dal 4 luglio e il ministero dell’Interno vigili sull’abusivismo”.