Divorzio alla romana. Spalletti nega a Totti l’ultima apparizione a San Siro ed è pronto ai saluti: “Oggi non tornerei nella Capitale”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Parole dure, che sembrano chiarire le sue intenzioni per il futuro. L’allenatore della Roma, Luciano Spalletti, ha risposto a muso duro a chi gli ha fatto notare il mancato ingresso in campo di Francesco Totti per quella che sarebbe stata l’ultima presenza a San Siro del capitano giallorosso all’ultima stagione da calciatore. Una polemica che dagli articoli di giornale è rimbalzata sui social: la gran parte di addetti ai lavori e appassionati ha sostenuto che Totti avrebbe meritato la standing ovation di uno stadio che tante volte lo ha ammirato da avversario. Nonostante i dispiaceri inflitti negli anni sia all’Inter che al Milan. Ma questo non ha minimamente toccato Spalletti, che ha anzi rivelato: “Se tornassi indietro non verrei mai ad allenare la Roma”. In pratica l’annuncio di un addio in diretta televisiva.

Poi il discorso è entrato nel merito della vicenda. “Quando lo metto negli ultimi 5 minuti dite che lo prendo per il culo. Mettiamoci d’accordo!”, ha attaccato il tecnico. “È il discorso che ho fatto da quando sono venuto: non datemi la gestione della storia di Totti, ma del calciatore. A Palermo non l’ho fatto entrare perché aveva il mal di schiena e ha telefonato a Chivu, a Bergomi. C’è qualcosa che non torna”, ha aggiunto Spalletti molto infastidito. “Quando sono arrivato a Roma ho chiesto subito al presidente e agli altri di fare chiarezza con lui e invece siamo ancora qui.  Evidentemente non sono stato in grado di farmi capire bene”, ha ribadito l’allenatore della Roma, che non è riuscito a gioire nemmeno per la netta vittoria sul Milan.

Spalletti ha anche spiegato le ragioni tattiche del mancato ingresso di Totti. “C’era il rischio di prendere gol, quindi fai un ragionamento e dici. Cosa gli posso dare in 5 minuti? Certo, se avessi saputo del rigore, ma sul 3-1 loro continuavano ad attaccare, Salah aveva fatto fatica e ho scelto così”.