Don Matteo, che farsa. Nel mondo delle serie tv poliziesche impazzano i detective. Solo in Italia risolve tutto un prete

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Csi, Criminal Minds e le altre serie tv made in Usa hanno catturato il telespettatore sfoggiando una squadra di perfezionisti e infallibili detective dell’Fbi. Negli ultimi anni però l’Europa, capitanata dagli scandinavi sta sfornando autoproduzioni di ottima fattura. A cominciare da The Killing con il detective Sarah Lund (impersonata dall’attrice Sofie Grabol), per proseguire con Fortitude (Grabol questa volta è la governatrice che sogna l’hotel tra i ghiacci). In grande spolvero pure i francesi che hanno trovato un detective, le cui avventure appassionano il grande pubblico. Su Canale 5 in seconda serata ha una media del 10% di share. Falco è un poliziotto che è stato in coma per oltre 20 anni. Torna in servizio e i suoi metodi, appartenenti al passato, spesso sono più efficaci di quelli del suo collega, il perfezionista Chevalier. Inoltre c’è la storia familiare che appassiona. Sua figlia ora è grande (e lui la lasciò che non aveva ancora un anno) e la moglie ha un nuovo compagno. Gli inglesi continuano ad affidarsi al classico. La serie che piace di più è Sherlock (è come se i francesi fossero rimasti a Maigret). A settembre arriva il Serpico bulgaro (Undercover su premium Action).

GLI ITALIANI
Un discorso a parte meritano i polizieschi italiani. I nostri commissari sono tra i più strani che si vedono in giro. Con nomi originali. Con spesso attori comici a interpretare i ruoli dei protagonisti. Tipo Lando Buzzanca nei panni del commissario Vivaldi, o il maresciallo Nino Frassica, il carabiniere Flavio Insinna. Guido Caprino è Luca Manara. Giampaolo Morelli è l’ispettore Coliandro. Questi gli eredi di Gino Cervi, Ubaldo Lay, Tino Buazzelli, Paolo Stoppa, Arnoldo Foà, Gianni Cavina, Gigi Proietti, Adolfo Celi e Giorgio Albertazzi. In realtà però i due personaggi che più piacciono al grande pubblico (super ascolti su Raiuno con oltre 5 milioni) sono Don Matteo e il commissario Montalbano. Due eroi maccheronici. Soprattutto il parroco che risolve ogni problema. Episodi e storie che possono piacere solo in Italia. Con Terence Hill – ha ragione Feltri – che ci regala sempre la stessa espressione. Meglio Montalbano, se non altro è più simpatico e Luca Zingaretti sa renderlo talmente umano da farlo sembrare uno di noi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA