Draghi incontra Fico e Casellati. Poi lungo colloquio con Conte. Le consultazioni inizieranno domani a Montecitorio

MARIO DRAGHI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il premier incaricato Mario Draghi, dopo aver accettato con riserva l’incarico a formare un nuovo esecutivo (leggi l’articolo), si è recato dal Quirinale alla Camera e successivamente al Senato per incontrare i rispettivi presidenti, Roberto Fico e Maria Elisabetta Alberti Casellati. Poi l’ex presidente della Bce, anche se la prassi non lo prevede, nel primo pomeriggio ha raggiunto Palazzo Chigi dove è rimasto a lungo a colloquio con il presidente del Consiglio dimissionario, Giuseppe Conte.

Dell’incontro non è trapelato molto. Ma secondo quanto riferiscono fonti M5S, citate dalle agenzie, Conte non sarebbe disponibile ad accettare un incarico da ministro nel nuovo esecutivo che Draghi si appresta a formare. “Le notizie che stanno trapelando in queste ore sul colloquio tra Giuseppe Conte e Mario Draghi sono totalmente inventate” hanno fatto sapere fonti di Palazzo Chigi.

“In particolare – riferiscono -, è destituita di fondamento l’indiscrezione secondo cui nel corso dell’incontro si sarebbe parlato di incarichi di governo per il Presidente Conte. Ancora una volta si torna a ribadire che in questa fase tutti i virgolettati e retroscena attribuiti a Giuseppe Conte sono destituiti di fondamento”.

Draghi, al termine del colloqui con Conte, è tornato a Montecitorio per una prima visita delle sale che da domani ospiteranno le consultazioni al termine delle quali il premier incaricato scioglierà la riserva per poi tornare al Colle con l’elenco dei ministri. Al momento non è stato ancora reso noto il calendario delle consultazioni.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I politici in fila dalle Lobby

Nel Paese dove il re dei conflitti d’interesse, Silvio Berlusconi, può diventare Presidente della Repubblica, che speranza ha una legge che regoli sul serio i rapporti tra lobby, politica e affari? Se a qualcuno sfuggisse la risposta, è illuminante seguire l’iter parlamentare della norma che

Continua »
TV E MEDIA