È Facebook il social preferito dai giornalisti. Viene utilizzato anche per raccogliere e verificare informazioni. Si tratta di un processo davvero affidabile? Una volta si dovevano consumare le suole delle scarpe per trovare le notizie…

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I giornalisti italiani si muovono soprattutto per Facebook, dove ricavano anche la maggior parte delle loro notizie. Il dato emerge dalla ricerca “Audit Italian Press”, realizzata dall’Istituto Ixé con il supporto di Encanto Public Relations e la community GiornalistiSocial su un campione di 300 professionisti.  Il 91% dei giornalisti italiani ha dichiarato di utilizzare Facebook per raccogliere informazioni, verificare  e monitorare l’opinione pubblica. Ben nove giornalisti su dieci scelgono il social nato per idea di Mark Zuckerberg. Che sia un dato confortante o meno lo scopriremo col tempo. Qualche dubbio c’è come dimostra la stessa ricerca presentata oggi a Milano. Perché metà dei giornalisti ritiene i social fonti di informazione affidabili, mentre  l’altra metà ne dubita. Nove giornalisti su 10 dicono di pubblicare notizie verificate e complete piuttosto che inseguire lo scoop. Ma Facebook non è l’unico social utilizzato, A seguire c’è Twitter e poi YouTube. Nonostante i social i giornalisti intervistati hanno espresso fiducia sulla resistenza da parte dei giornali di carta che stanno vivendo una durissima crisi. Il 33% si è detto convinto della loro esistenza fra 10 anni, il 44% lo ha ritenuto probabile. Per avere successo gli intervistati hanno sostenuto la necessità di integrazione col multimediale.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA