Bomber dei record. E pensare che Cristiano Ronaldo non doveva nascere. La mamma quando rimase incinta non voleva un’altra gravidanza. La convinse il parroco

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Cristiano Ronaldo è il quarto figlio di una famiglia di Madeira. Quando la mamma rimase incinta non fu affatto contenta. Anzi, fu il parroco a convincerla che un figlio è un dono di Dio. E a lei il Cielo riservò un dono davvero speciale. Il campione portoghese con i suoi successi e i suoi soldi potrà mantenere i suoi parenti per generazioni. Dopo i due Palloni d’Oro consecutivi Cristiano (si chiama così per un atto di fede) continua a frantumare record dopo record.

NUMERO UNO
È il calciatore che ha segnato di più nelle Coppe europee (78 gol), di cui 75 in Champions League (primato che divide con Lionel Messi). Ha un contratto con il Real Madrid da 17 milioni di euro l’anno fino al 2018. All’età di 30 anni è l’unico calciatore ad aver vinto nello stesso anno solare – nel 2014 – Pallone d’Oro, Uefa Best Player e Scarpa d’oro. è l’unico calciatore ad aver segnato a tutte le squadre affrontate nella Liga e aver segnato almeno un gol per tre Europei e tre Mondiali consecutivi. Inoltre assieme a Ibrahimovic ha battezzato con almeno un gol ogni minuto del cronometro di una partita che va dal 1’ al 90’. Oltre a essere il giocatore con più reti nelle competizioni europee e della nazionale portoghese, Ronaldo è anche il calciatore che vanta più gol in una singola edizione della Champions League: nella stagione 2013-2014 ha segnato 17 gol in 13 partite. Performance che ha permesso al Real Madrid di Carlo Ancelotti di centrare la decima Coppa dei Campioni della storia del club.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA