L’epidemia di Coronavirus è ancora contenibile. Massima attenzione per Corea, Italia, Iran e Giappone. Speranza: “Pieno sostegno dall’Oms. La sfida è globale”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Contenere il Covid19 è fattibile e deve rimanere la massima priorità per tutti i paesi. Con misure precoci e aggressive, possono interrompere la trasmissione”. E’ quanto ha detto il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, nel consueto briefing dedicato all’emergenza Coronavirus.

“Stiamo monitorando la situazione ogni momento di ogni giorno – ha aggiunto – e analizzando i dati. L’Oms non esiterà a descrivere questo Coronavirus come una pandemia se questo è ciò che i dati suggeriranno”. “Nelle ultime 24 ore ci sono stati quasi 9 volte più casi di Covid-19 segnalati all’estero che all’interno della Cina. Le epidemie nella Repubblica di Corea, in Italia, in Iran e in Giappone sono la nostra più grande preoccupazione” ha aggiunto il direttore generale dell’Oms.

“Apprezziamo che le persone stiano discutendo se questa è una pandemia o no. Ma dobbiamo vedere le cose in prospettiva: degli 88.913 casi di Covid 19 riportati finora, il 90% si trova in Cina e principalmente in una provincia”, ha aggiunto Ghebreyesus, sottolineando che “oltre 130 paesi non hanno ancora rilevato casi”. “Siamo in un territorio inesplorato. Ma il virus – ha ribadito ancora – può essere contenuto con le giuste misure”.

“Stamattina – ha scritto su Facebook il ministro della Salute, Roberto Speranza – ho avuto un colloquio telefonico con il direttore Oms Europa Hans Kluge. Gli ho illustrato le ultime misure assunte dal governo Italiano per fronteggiare l’emergenza del nuovo coronavirus. L’Oms ha espresso pieno sostegno a quanto stiamo facendo e ha garantito massima disponibilità ad ogni forma di collaborazione. La sfida del nuovo coronavirus è globale e può essere affrontata solo insieme a tutti gli altri Paesi”.