Facce di bronzo. Salvini ringrazia il premier albanese per l’invio dei medici in Lombardia. Ma sui social in migliaia ricordano il suo tweet in cui non voleva l’Albania in Europa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Ho telefonato al premier @ediramaal per ringraziarlo di questo splendido gesto di affetto per l’Italia. Grazie al popolo albanese e al suo governo: inviando medici e infermieri hanno dimostrato una sensibilità e una generosità che non dimenticheremo”. Scrive così, in un tweet, il leader della Lega, Matteo Salvini, commentando l’invio in Lombardia di un team di medici e infermieri albanesi spedito dal premier Edi Rama per aiutare l’Italia alle prese con il Coronavirus. Ma in migliaia, in queste ore, rilanciando l’hashtag #salvinisciacallo, stanno ricordando al leader della Lega quanto scrisse a proposito dell’Albania. In particolare nel 2014, quando il Capitano, già il leader del Carroccio, lanciò un paio di tweet contro l’Albania e l’Ue: “Nuovo stato candidato a entrare nell’UE? Alla faccia della storia e dell’economia. No a un’Europa supermercato”. E, sempre nel 2014, commentando, gli aiuti che l’Unione aveva stanziato per Turchia, Albania e Ucraina: “UE regala 620 milioni a Turchia, 500 a Ucraina, 83 ad Albania e niente a disoccupati e alluvionati italiani: a me girano le palle”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA