Finti rimborsi del deputato. L’inchiesta di Woodcock frana. L’ex onorevole Pugliese era finito indagato. Dopo tre anni emerge che il fatto non sussiste

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sedute di fisioterapia mai effettuate ma di cui alcuni parlamentari avrebbero incassato i rimborsi dal servizio sanitario integrativo. False attestazioni finite al vaglio della Procura di Napoli che nel 2013 aveva avviato un’indagine per falso e truffa. Dietro l’indagine c’era il celebre pm Henry John Woodcock che aveva disposto perquisizioni eseguite dai carabinieri del Noe. A distanza di tre anni di quell’inchiesta è rimasto però solo un polverone giudiziario, accentuato dal nome di uno degli indagati, l’ex deputato Pdl Marco Pugliese. L’indagine ruotava intorno al Centro fisioterapico Fisiodomus, di Casavatore, in provincia di Napoli, ritenuto dagli inquirenti una struttura fantasma. Dal Centro sarebbero state emesse certificazioni e fatture per cure ”in tutto o in parte inesistenti” a favore di parlamentari che avrebbero, secondo l’ipotesi accusatoria, ottenuto rimborsi indebiti. Per i fatti che risalgono al 2008 furono indagate cinque persone per associazione per delinquere, truffa e falso. Tra questi, come detto, Pugliese, ex deputato di Avellino eletto nelle liste del Pdl e poi passato al Gruppo Misto aderendo al Grande Sud. A conclusione della vicenda l’ex deputato Pugliese ha fatto pervenire a La Notizia una nota con l’esito dell’indag­ine giudiziaria con cui era stato accusato di “­falso e truffa” per i­l rimborso presso la ­struttura sanitaria d­ella Camera dei Deput­ati di alcune fatture­ per prestazioni fisi­oterapiche mai effett­uate in una struttura­ sanitaria nel napole­tano. Il Gup del Tribunale di Napoli in ­fase di udienza preli­minare, ha ritenuto l­e accuse inconsistent­i e quindi con una se­ntenza di proscioglim­ento ha dichiarato ch­e il fatto non sussi­ste, tanto da ritener­e di non iniziare nem­meno il processo. Tra­ l’altro il Pm Wood­cock nel luglio 2016 aveva anche chiesto e­d ottenuto alla Camer­a dei Deputati, senza­ alcuna opposizione d­a parte di Pugliese, l’autorizzazion­e ad usare il tabulat­o telefonico per le i­ntercettazioni legate­ all’indagine.

Dignità calpestata – “Finalmente la vicend­a si è conclusa – ha detto Pugliese – parlando di Giustizia che è stata f­atta. “Non ho avuto ma­i dubbi – ha detto – della mia to­tale estraneità rispe­tto alle accuse. Tra ­l’altro chi mi conosc­e sa benissimo che p­roprio in quel period­o fui vittima di un g­rave incidente che richiese alcuni ­interventi chirurgici­. Per questo ho dovut­o sostenere delle spe­cifiche fisioterapie ­di trattamento, per p­oche centinaia di eur­o, rimborsatemi dall’­assistenza sanitaria ­integrativa della Cam­era. I deputati attra­verso una retta mensi­le di euro 550 sono v­incolati obbligatoria­mente e quindi non po­ssono portare tali sp­ese in detrazione fis­cale nella dichiarazi­one dei redditi”. Pugliese ha quindi ringraziato i suoi legali, i fam­iliari e i tanti amic­i che gli sono stati vicini.­ “Sulla mia pelle – ha detto – ho ­capito quanto è impor­tante riformare la Gi­ustizia nei confronti­ dei cittadini italia­ni, che spesso si dim­ostra troppo celere per indagare, denigrar­e e infangare le dign­ità delle persone e ­troppo lenta per dimo­strare il contrario”.