Floris e Giannini, ossessione Renzi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Per Giovanni Floris e Massimo Giannini la tv è rimasta in bianco e nero. Appartiene al passato. Come i loro ospiti che annoiano. E che tra l’altro si scambiano di puntata in puntata. Per i due conduttori la scelta di fare opposizione a Matteo Renzi è diventata un’ossessione. Forse perché il premier continua a ignorarli. Ad andare ospite dovunque, in qualsiasi trasmissione, a eccezione di Ballarò e diMartedì. E soprattutto a fare ascolti, al contrario di quanto riescano a fare i due talk del martedì sera. Renzi ha spopolato anche domenica scorsa nello studio di Barbara d’Urso (picchi di ascolto di 2 milioni e 700mila spettatori con uno share del 22,30%). Mentre stasera Giannini e Floris provano a invertire la tendenza che li vede prendere schiaffi dallo share. Come? Con degli ospiti che non solo non bucano il video ma non lo hanno mai bucato, neanche quando contavano qualcosa di più dell’attuale momento storico del Paese. Stiamo parlando di Susanna Camusso e Pier Luigi Bersani, ospiti rispettivamente di Floris e Giannini. Almeno Giannini è riuscito a portare in trasmissione un altro reperto del passato ma che può almeno dire qualcosa di diverso dagli altri due, visto che le sue apparizioni in tv hanno l’effetto del contagocce, l’ex premier Mario Monti.

L’opposizione non si fa con le chiacchiere ma coi fatti ben documentati. Adottando lo stile Report. Come fa Milena Gabanelli con le sue inchieste. Bersani, Camusso e gli altri che cosa diranno di tanto diverso dalle precedenti esibizioni?

 

L’AUTORETE DI GASPARRI

Un tweet di Maurizio Gasparri è già un caso politico visto che coinvolge una minorenne, e perché la replica arriva da uno dei personaggi dello spettacolo più in voga. Lo scontro è tra Gasparri e Fedez. Il vicepresidente del Senato, dopo aver definito il giudice di X Factor “questo coso dipinto”, è stato preso d’assalto dai fan del cantante. Una di loro, un po’ paffutella, gli ha replicato: “Caro Gasparri il ‘coso colorato’ è una persona pulita e umile, a differenza tua che sei sporco e te lo credi perché sei un deputato!”. Subito la risposta del senatore Pdl: “Meno droga, più dieta, messa male”. Questo tweet ha suscitano la reazione di Fedez che su Facebook ha scritto: “Che il vice presidente del Senato Maurizio Gasparri mi insulti per il mio aspetto, esibendo un’ignoranza e dei limiti intellettuali imbarazzanti per un uomo nella sua posizione, mi importa poco. Non mi sorprende. Che l’onorevole usi i medesimi metodi squallidi, prepotenti e vessatori nei confronti di una ragazzina però, mi fa sinceramente paura”.

 

IL CASO TIMPERI

Per ora nessuna sanzione sul caso della bestemmia di Tiberio Timperi nel fuorionda a Unomattina in famiglia, ma l’andamento giuridico della questione suggerisce di punire chi ha materialmente mandato in onda la registrazione. Probabilmente anche il regista rischia qualche sanzione, se non altro per la responsabilità oggettiva. E Timperi? Nonostante abbia chiesto scusa forse una multa se la meriterebbe. Anche se non era in onda, era pur sempre in uno studio tv.