Fondi russi alla Lega, la Guardia di finanza perquisisce l’abitazione dell’ex bancario Vannucci. Era a Mosca insieme a Savoini e Meranda

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Guardia di finanza, su ordine della Procura di Milano, ha compiuto una perquisizione a Suvereto, in provincia di Livorno, nell’abitazione di Francesco Vannucci (nella foto), l’ex bancario coinvolto (ma al momento non risulta indagato) nell’inchiesta sui presunti fondi russi destinati alla Lega. Vannucci nei giorni scorsi ha dichiarato di aver partecipato, insieme a Gianluca Meranda e a Gianluca Savoini all’incontro, avvenuto all’Hotel Metropol di Mosca il 18 ottobre scorso, con i tre emissari russi di cui il sito americano BuzzFeed ha pubblicato un audio. “Ho partecipato all’incontro all’hotel Metropol di Mosca il 18 ottobre 2018 – aveva detto all’Ansa Vannucci – in qualità di consulente esperto bancario che da anni collabora con l’avvocato Gianluca Meranda. Lo scopo dell’incontro era prettamente professionale e si è svolto nel rispetto dei canoni della deontologia commerciale. Non ci sono state situazioni diverse rispetto a quelle previste dalle normative che disciplinano i rapporti d’affari”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA