Formula 1, Hamilton vince il Gran Premio di Suzuka. Vettel fuori al quinto giro. I punti di distanza diventano 59 a quattro gare dalla fine

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Lewis Hamilton su Mercedes ha vinto il Gran Premio di Suzuka, in Giappone, sedicesima prova del mondiale di Formula 1. È la sua ottava vittoria della stagione. Il ferrarista Sebastan Vettel aveva abbandonato al quinto giro.

I meccanici della Ferrari hanno lavorato sulla vettura di Vettel nei momenti immediatamente prossimi alla partenza. Ma, una volta partite le vetture, Vettel è stato infilato prima da Verstappen, poi da Massa fino ad essere costretto ai box. “Immaginiamo che la causa possa essere il mal funzionamento di una candela” ha detto a Sky il responsabile dell’ufficio stampa della Ferrari Alberto Antonini.

A parlare dopo la gara lo stesso Vettel. “Non era la nostra giornata. Abbiamo avuto un piccolo problema che ne ha creato uno più grande. Mi ero accorto di avere scarsa potenza già in formazione”. Così il pilota Ferrari analizza il ko subito a Suzuka, costretto al ritiro nei primissimi giri del Gran Premio, cosa che gli fa dire virtualmente addio alla corsa per il mondiale: “Non serve un genio in matematica per capire che adesso è dura – dice – Ma adesso dobbiamo tornare a casa e riposarci. Siamo tutti stanchi. Ci sono stati tanti cambiamenti ma abbiamo le possibilità per far bene nelle ultime quattro gare”.

La classifica – Hamilton sale a 306 punti nella classifica del Mondiale, contro i 247 di Vettel, a quattro gare dalla fine della stagione. A punti nella gara sul circuito di Suzuki sono andati anche Sebastien Ocon e Sergio Perez, sesto e settimo con la Force India, Kevin Magnussen e Romain Grosjean, ottavo e nono con la Haas. Decimo posto per Felipe Massa con la Williams.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA