Formula 1, quanta noia per colpa della tv

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Aldo Grasso per Il Corriere della Sera

Negli sport che si vedono in tv, il concetto di noia è del tutto relativo. Una corsa ciclistica, qualunque essa sia, mi coinvolge, il golf mi annoia. Non è colpa del golf, è colpa mia, che non conosco bene quella pratica sportiva. A volte una partita di calcio finita zero a zero è di rara intensità emotiva, a volte è inguardabile. Nei giorni scorsi si diceva: la Formula 1 è diventata la corsa dei tassisti, il Gp dei tosaerba, è noiosa, manca il rombo dei motori, le nuove regole l’hanno penalizzata («un esercizio per ingegneri» secondo Valentino Rossi), le strategie di corsa dipendono dal degrado delle gomme, i sorpassi si fanno solo con l’aiuto del Drs e così via. Sì, provate a dirlo a un tifoso della Mercedes. Per lui non c’è mai stato un Gran Premio tanto esaltante.
Al contrario, il tifoso della Ferrari sarà portato a trovare scuse per giustificare la lentezza delle «rosse». Domenica, il Gran Premio del Bahrain è stato abbastanza vivace, merito soprattutto dei due piloti della Mercedes e di quelli della Red Bull, pronti a darsi battaglia fino alla fine. In questo momento, però, la superiorità della Mercedes è tale che la regia era costretta a riprendere le seconde file per vedere un po’ di movimento.
Il vero problema della Formula 1 è che ormai la tecnologia delle riprese tv è superiore al «format» Gran Premio. Ogni anno si tenta un espediente per vivacizzare la gara, ma gli esiti non paiono esaltanti (salvo che per i tifosi della Mercedes). E se si tornasse all’origine? Come si parte si deve arrivare, senza pit stop (salvo foratura o pioggia), senza tante strategie che alla fine finiscono per penalizzare lo spettacolo. Altrimenti lo spettacolo della Formula 1 rischia di essere prigioniero della safety car. Quando entra in azione, significa che davvero è successo qualcosa.