Francia, addio a Jacques Le Goff

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Francia piange uno dei suoi più grandi studiosi. È morto a Parigi lo storico del Medioevo Jacques Le Goff. A darne notizia è stato il giornale online Le Monde la mattina dell’1 aprile.
STUDIOSO DELLA SOCIETÀ. Nato a Tolone l’1 gennaio 1924, Le Goff aveva appena compito 90 anni. Studioso di storia e sociologia dell’Età di mezzo, è stato uno dei massimi esperti nel suo campo grazie a saggi come Mercanti e banchieri del Medioevo, Tempo della Chiesa e tempo del mercante e La nascita del Purgatorio che mise a nudo come è stato costruito attraverso i secoli il concetto di un aldilà temporaneo.
Nel campo delle agiografie rimane una pietra miliare il voluminoso San Luigi che racconta la vita del re francese Luigi IX, delle sue crociate e del rapporto tra potere spirituale e temporale.
COSCIENZA DELL’ETÀ DI MEZZO. Membro della Resistenza francese durante la Seconda Guerra mondiale e osservatore involontario dell’occupazione sovietica di Praga nel 1948, Le Goff era diventato prima professore alla facoltà di lettere dell’università di Lille (1954-58), nel Nord della Francia, e poi, direttore a soli 48 anni della École des hautes études en sciences sociales (Scuola superiore di studi sociali).
Dalla fine degli Anni 60 è stato anche condirettore della rivista Annales. Nel 2000 ha ricevuto la laurea honoris causa in Filosofia dall’Università di Pavia.
Le Goff fu uno dei padri della ‘Nouvelle Histoire’ e plasmò la conoscenza dei secoli compresi tra l’età antica e la soglia della modernità come pochi altri ricercatori. Con le sue teorie sul Medioevo lo storico ha interpretato il passato e la contemporaneità in un modo unico.