Frizzi e Magalli, sono Fatti Vostri. I due festeggiano le nozze d’argento del programma. Ascolti super e alto gradimento. Icone della Rai

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Angelo Costa

Nozze d’argento per i Fatti Vostri. Una delle trasmissioni ormai cult del mezzogiorno della Rai. La prima puntata della trasmissione di Michele Guardì è infatti andata in onda il 3 dicembre 1990, alle ore 12, con la conduzione di Fabrizio Frizzi. «L’8 marzo del 1991, dopo 69 puntate, ci siamo dati il cambio – ha detto Giancarlo Magalli – Abbiamo fatto anche una settimana insieme». Ieri Magalli ha ospitato Frizzi in una rimpatriata. Frizzi ha ricordato i tanti ospiti, come Domenico Modugno, Pippo Baudo, Miguel Bosè e anche politici come Bettino Craxi. Nel corso della trasmissione sono stati ricordati i vari conduttori come Alberto Castagna, Massimo Giletti, Michele La Ginestra, Paola Saluzzi e Gigi Sabani.

FICO CONTRO IL DG
Nemmeno un manager come Campo Dall’Orto che conosce benissimo le aziende televisive riuscirà ad allontanare dalla Rai le beghe dei partiti politici. Ora è il caso della nomina del nuovo capo ufficio stampa a scatenare la polemica. Il dg ha scelto Luigi Coldagelli. È un esterno ed è l’ex portavoce del ministro Orlando. Questi due fattori sono al centro della contesa. Anche il suo predecessore Fabrizio Casinelli quando arrivò a Viale Mazzini non faceva parte del partito Rai. Fu ingaggiato da fuori. Era in forza a Palazzo Chigi. A differenza di Coldagelli però non fu subito nominato capo dell’ufficio. Fece un periodo di affiancamento al responsabile Nava con un contratto da vice a tempo determinato e quando Nava andò in pensione prese il suo posto. Coldagelli entra già da capo, ma se il dg conta su di lui, avrà le sue ragioni. Nel bene o nel male ne risponderà in prima persona. Ma questo bailamme ha finito per spaccare il cda. Il presidente della commissione Vigilanza, Roberto Fico, ha messo benzina sul fuoco: «Tra migliaia di giornalisti esterni che potevano essere scelti, ci si è rivolti proprio al portavoce di un ministro che, tra l’altro, ha sempre lavorato nell’area del Pd. Presenterò un’interrogazione alla Rai al riguardo». Il consigliere Diaconale ha rincarato la dose: «Siamo ancora nel meccanismo della vecchia lottizzazione, solo che invece di essere fatta da tutti i partiti, viene fatta da un solo partito e quindi non è più lottizzazione, ma è occupazione».   Non la pensa così il suo collega Franco Siddi: «Il capo ufficio stampa della Rai è una figura di fiducia del direttore generale. Bisogna ricordarlo. Nessuno poi può dire che Coldagelli non abbia la professionalità per fare questo mestiere. Lo ha fatto a livelli politici e istituzionali molto rilevanti». Dello stesso parere è anche Guelfo Guelfi che difende le scelte del dg.

RUFFINI
Ci sarà anche Paolo Ruffini tra i protagonisti di Eccezionale Veramente, il nuovo talent sulla comicità italiana prodotto da Colorado Film in onda nella primavera del 2016 su La7. Ruffini, attore, regista, sceneggiatore e conduttore televisivo, affiancherà dunque nella giuria del programma Diego Abatantuono. Eccezionale Veramente darà al vincitore la possibilità di ottenere un contratto con Colorado Film per il cinema e la tv dal valore di 100.000 euro.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA