Frode fiscale: Messi andrà a processo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Messi a giudizio per frode fiscale perché “non poteva non sapere”: per questo il tribunale di Gavà, vicino Barcellona, ha respinto il ricorso presentato dall’argentino contro i capi d’imputazione. Secondo il giudice, l’asso del Barcellona non poteva non essere a conoscenza dell’attività del padre, Jorge Horacio, suo agente e amministratore economico.  L’accusa parla di guadagni dai diritti d’immagine non dichiarati tra il 2007 e il 2009, per un mancato versamento all’Erario di 4 milioni di euro