Gas liquido per l’Europa. Ne arriveranno 15 miliardi di metri cubi dagli Usa. Von der Leyen: “Putin ha usato le sue risorse energetiche per finanziare la guerra”

gas liquido
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dagli Usa 15 miliardi di metri cubi di gas liquido per l’Europa. Gli Stati Uniti aiuteranno in questo modo l’Europa a ridurre la dipendenza dal gas russo lavorando con altri partner per “garantire 15 miliardi di metri cubi di gas naturale liquefatto per l’Europa quest’anno”. Ad annunciarlo è stato il presidente statunitense, Joe Biden, nel corso della conferenza stampa con la presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen.

Gli Stati Uniti attraverso le forniture di gas liquido aiuteranno l’Europa a ridurre la dipendenza dalla Russia

Si potrebbe arrivare da qui al 2030, ha spiegato Biden, “fino a 50 miliardi di metri cubi all’anno” di gas liquido. “Siamo determinati – ha detto Von der Leyen – a fare quello che possiamo contro questa brutale guerra della Russia, che sarà un fallimento strategico per Putin”. Per la presidente della Commissione europea “l’impegno degli Stati Uniti a fornire all’Ue ulteriori 15 miliardi di metri cubi di gas naturale liquefatto è un grande passo”.

“Siamo qui insieme per ridurre la dipendenza dell’Ue dall’energia russa. Putin – ha detto la presidente della Commissione Ue – ha usato le sue risorse energetiche per manipolare i suoi vicini, è così che le ha usate. Ha usato quei profitti per condurre la sua macchina da guerra. Qualche tempo fa ho annunciato che gli Usa avrebbero bandito qualsiasi importazione di energia dalla Russia, per rendere chiaro che gli Stati Uniti non sovvenzionano la guerra brutale e ingiustificata in Ucraina”.

“Gli Stati Uniti e l’Europa – ha detto ancora la von der Leyen – garantiranno una domanda e un’offerta stabili per almeno 50 miliardi di metri cubi aggiuntivi di Gnl statunitense fino al 2030. E se guardiamo a questo, questa quantità, 50 miliardi di metri cubi all’anno, sta sostituendo un terzo già del gas russo che va oggi in Europa”.

“Quindi siamo sulla buona strada ora – ha aggiunto la presidente della Commissione Ue – per diversificare lontano dal gas russo e verso i nostri amici e partner, fornitori affidabili. Dobbiamo garantire le nostre forniture non solo per il prossimo inverno, ma anche per gli anni a venire. E questo è un importante, un grande punto di partenza per farlo”.

Gli Stati Uniti, ha detto il sottosegretario per la crescita economica, l’energia e l’ambiente del dipartimento di Stato Usa, Jose W. Fernandez, creeranno una task force “per la sicurezza energetica che si occuperà di fare diverse cose”, in quanto “è necessario lavorare per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili russi per il prossimo inverno”. L’esponente dell’amministrazione di Washington ha assicurato che le aziende energetiche Usa “ritengono di poter colmare molti gap”.

Biden, ha affermato il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Jake Sullivan, è personalmente impegnato in colloqui con altre nazioni, Qatar compreso, sulle forniture di gas. “Lo stesso presidente è personalmente impegnato con altri fornitori di gas, Qatar compreso, che sono stati in grado di farsi avanti” ha Sullivan durante un pool stampa a bordo dell’Air Force One mentre Biden era in viaggio verso la Polonia.