Geppi Cucciari pronta a scalzare Vespa. Grandi manovre a Raiuno per sfilare una seconda serata a Porta a Porta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Geppi Cucciari si avvicina a Raiuno. Il suo nuovo programma, con a fianco il critico d’arte Francesco Bonami, sarà un originale tour dal titolo Dopotutto non è brutto, che andrà in onda a partire da fine novembre in seconda serata. Ancora non si è deciso il giorno. È in atto un tentativo da parte dei vertici di Raiuno di collocare il nuovo programma al mercoledì, costringendo Bruno Vespa con il suo Porta a Porta a fare un passo indietro, rinunciando in pratica a uno dei suoi tre appuntamenti settimanali. Qualcuno al settimo piano di Viale Mazzini ci ha pure malignato sopra mettendo in relazione il taglio di visibilità con la vicenda del mega contratto denunciato da Renato Brunetta. In verità sembra un paradosso che una star che guadagna cifre faraoniche debba essere punito lavorando meno. Semmai dovrebbe avere più serate per giustificare il compenso che percepisce. Mah.

Gubitosi fa il tango con il Caschetto
Comincia a diventare singolare il fatto che il dg di Viale Mazzini, Luigi Gubitosi, dopo l’innamoramento (professionale, ovviamente) con Lucio Presta (che gli ha portato prima Benigni e poi Paola Perego), ora si sia invaghito di un altro agente, Beppe Caschetto, che da anni fa il buono e il cattivo tempo a La7. Dopo il caso Crozza è arrivata la Cucciari. Continua dunque il corteggiamento ai cavalli di razza della scuderia.

Nomine, Flussi dg ex Sipra
Luciano Flussi non è più il capo del personale di Viale Mazzini. Lascia la sua poltrona a Valerio Fiorespino, il quale a sua volta consegna il posto di direttore Risorse tv ad Andrea Sassano, la cui scrivania da direttore dello staff del dg verrà occupata da Adalberto Pellegrino, fedelissimo di Gubitosi. Per permettere a Flussi di diventare il nuovo dg dell’ex Sipra (oggi Rai Pubblicità) Lorenza Lei è stata nominata presidente della struttura, mentre Fabrizio Piscopo diventa amministratore delegato.

Il futuro di Sportitalia
Lt Televisioni (Gruppo Lt Multimedia) ha siglato un accordo di partnership editoriale e commerciale con Sitcom Media che fa capo al Gruppo Sitcom. Si tratta della società che ha rilevato da Edb Media, il ramo d’azienda relativo ai canali 60, 61, 62 del digitale terrestre, occupati da Sportitalia, per la trasmissione sul digitale terrestre dei tre nuovi canali di Lt multimedia: Sport 1, 2 e 3. In pratica si ha l’impressione che ci sia in atto uno scorporo di società tra quelle riconducibili a Valter La Tona. Una bad company nella quale convoglierebbero debiti e personale cassintegrato dei vecchi canali, tre dei quali, Nuvolari, Arturo e Leonardo verrebbero tagliati dal bouquet di Sky con conseguente e sensibile calo delle entrate. Mentre Lt Multimedia potrebbe avere la funzione di una newco, che dovrà occuparsi del futuro e delle frequenze di Sportitalia. Comunque qualcuno racconta che al momento dell’acquisto di Edb Media ed Edb Service la Lt Multimedia non fosse al corrente di tutti i debiti pregressi. E quindi i rischi di un collasso finanziario potrebbero essere dietro l’angolo. A meno che ci siano (finora però non se ne ha notizia) dei finanziatori pronti a sostenere le società di La Tona. Inoltre la sentenza che attesta la validità del contratto di esclusiva con la concessionaria di pubblicità Prs non permette alla Dad, la concessionaria vicina a La Tona, di entrare in partita. Da qui l’idea di scorporare le società, così da dividere i pesci dai pani. Resta da capire che cosa cambierà per giornalisti e tecnici di Sportitalia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA