Gioia tennistica a Miami. L’italiano Fognini si qualifica agli ottavi: per approdare ai quarti deve sfatare il tabù Young

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Fabio Fognini continua un momento magico negli Stati Uniti: il tennista ligure si è qualificato agli ottavi del Masters 1000 di Miami, battendo il francese Jeremy Chardy al terzo turno del torneo americano. La vittoria, comunque, non è stata proprio una passeggiata anche a causa di un inizio non proprio brillante. Chardy si è infatti aggiudicato il primo set con il parziale di 6-3. Fognini ha però trovato la forza mentale per reagire, ribaltando la situazione sfavorevole: così ha portato a casa gli altri due set con il punteggio di 6-4. Al termine di una sfida di 2 ore e 8 minuti ha ottenuto una qualificazione che gli consente di proseguire l’esperienza statunitense che può rilanciarlo in classifica e di sicuro gli ha permesso di tornare il primo italiano, scavalcando Paolo Lorenzi.

Il tabellone, tuttavia, gli ha messo contro una delle sue bestie nere agli ottavi: l’eterna (e mancata) promessa del tennis americano, Donald Young, numero 51 del ranking Atp e già vincitore contro Fognini nelle precedenti due sfide (a Vienna nel 2012 e più recente a Nizza nel 2016). Tra gli altri risultati sono da segnalare le vittorie dell’argentino Federico Delbonis contro il tedesco Jan-Lennard Struyf (7-6 6-1) e del giapponese Kei Nishikori contro lo spagnolo Fernando Verdasco alla fine di una vera e propria maratona durata 2 ore e 47 minuti. Il risultato è stato di (6-7 7-6 6-1).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA