Giornale, spunta Mulè per il dopo Sallusti. Si rivede Sechi, mentre il Tempo si stringe. Il giro di valzer dei direttori potrebbe interessare Tgcom 24, il Giornale e Panorama

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Vuoi per la guerra tra falchi e colombe, vuoi per la resa dei conti voluta dagli alfaniani, sta di fatto che la galassia dei giornali dell’area berlusconiana è in fermento. A breve non è da escludere un giro di valzer. La poltrona più rovente è quella di Alessandro Sallusti al Giornale. Il direttore del quotidiano della famiglia Berlusconi, legato a Daniela Santanchè, potrebbe lasciare l’incarico. Per lui si intravede una possibile altra direzione. Secondo Lettera 43 un obiettivo dichiarato è il canale all news di Tgcom24, anche se il direttore attuale, Alessandro Banfi, è di fresca nomina. Senza Sallusti si libererebbe la strada al Giornale per il ritorno di Giorgio Mulè, attuale numero 1 di Panorama. Alla guida del settimanale potrebbe arrivare Mario Sechi, che ha ricucito con Alfano e che scalpita per tornare in prima fila, dopo aver diretto Il Tempo e soprattutto dopo il bagno di sangue conseguente alle elezioni politiche. A proposito di Tempo, il quotidiano romano si è visto dall’Inps, proprietario di Palazzo Wedekind, ridurre lo spazio nella sede. In un poche ore sono stati sgomberati i primi tre piani dell’edificio, per traslocare tutti al 4°.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La bugia della destra e della sinistra

Piccola bussola per chi ha perso l’orientamento tra destra e sinistra, e ieri si è smarrito ancora di più vedendo Salvini difendere Renzi dalle polemiche sull’incontro carbonaro con lo 007 Mancini nella piazzola di un autogrill. A guardarli con gli occhiali del passato, destra e

Continua »
TV E MEDIA