Sparare ai politici non si fa nemmeno per gioco. Tanto alla fine le botte le prendono i giornalisti. IL VIDEO

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

E’ finita con spintoni, tentativi di strapparle il microfono e di oscurare la telecamera il collegamento in diretta dell’inviata di In Onda Sara Giudice presso un luna park di Tarquinia. Alla giornalista di La7 è stato impedito di proseguire il suo racconto perché un drappello di esagitati ha cercato di aggredirla quando ha visto che la trasmissione di La7, condotta da David Parenzo e Tommaso Labate, non aveva preso la direzione che i gestori del luna park speravano. La loro goliardica idea di far sparare ai politici anche ai bambini, per gioco ovviamente, in un carrozzone delle giostre, era stata condannata dagli ospiti in studio. Pertanto il collegamento da trovata pubblicitaria si stava trasformando in una gogna mediatica. In un boomerang. Nelle fasi più concitate i conduttori hanno chiuso il collegamento lasciando il pubblico a casa all’oscuro dell’esito. Si sono visti spintoni e il tentativo di aggressione. Alla fine uno degli aggressori è finito al commissariato mentre la giornalista non ha riportato alcuna ferita.