Giustizia all’italiana. Sabrina Misseri, condannata all’ergastolo per l’omicidio di Sarah Scazzi, potrebbe uscire dal carcere. Il giudice ancora non scrive la sentenza

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ha ucciso Sarah Scazzi. Ma Sabrina Misseri presto potrebbe tornare libera. La ragione? Presto detto: il giudice non ha scritto ancora la sentenza e i termini stanno per scadere.

Tutti ricorderanno l’atroce vicenda riguardante Sarah Scazzi, la bambina di 15 anni di Avetrana. La cugina, Sabrina Misseri, per quella storia è stata condannata all’ergastolo in primo e secondo grado per il delitto della 15enne. Eppure ora potrebbe presto lasciare il carcere di Taranto. Il 15 ottobre, infatti, scade il termine massimo di custodia cautelare che, al netto di proroghe e sospensioni, non può durare più di sei anni. E così, a causa del ritardo nella scrittura della sentenza d’Appello, potrebbe attendere a piede libero lʼultimo atto in Cassazione.

Sabrina Misseri fu arrestata il 15 ottobre 2010 dopo che il padre, Michele, l’aveva accusata dell’omicidio della ragazzina che sarebbe avvenuto con la collaborazione della madre, Cosima, anche lei condannata per due volte all’ergastolo. Nonostante il complicato meccanismo di proroghe e sospensioni, il codice di procedura penale fissa a sei anni la durata complessiva massima della custodia cautelare. Dunque, tra circa due mesi, per Sabrina Misseri i termini saranno scaduti e attenderà fuori dal carcere la sentenza della Cassazione.

Gli impegni del giudice relatore Susanna De Felice nella commissione d’esami per il concorso in magistratura hanno portato, proroga dopo proroga, all’attuale situazione di stallo, oggetto di attenzione da parte del ministero della Giustizia. Non si sa quando le motivazioni saranno depositate, ormai è però certo che sarà tecnicamente impossibile far svolgere l’udienza in Cassazione prima del 15 ottobre 2016.

Per la madre Cosima Serrano, anche lei condannata in Appello all’ergastolo come la figlia, invece i termini della custodia cautelare scadono il 26 maggio del 2017, a sei anni dal suo arresto avvenuto il 26 maggio del 2011

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA