Gomorra sfida il Trono di Spade. Le due serie super di Sky tengono banco a maggio. Fantasy o realtà: si uccide per conquistare il potere

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Le serie tv sono come le canzoni. Ce n’è sempre una che ti scandisce le ore più belle, quelle spensierate e di relax nelle quali il telefonino finisce sotto il cuscino del divano. Con l’on demand poi tutto è più bello perché ti puoi sparare tutte le puntate che vuoi della tua serie preferita. La supersfida di maggio è cominciata con il Trono di Spade,  la saga letteraria che narra la battaglia per conquistare il Trono, tra intrighi politici, guerre sanguinose, alleanze e tradimenti, mentre a Nord della Grande Barriera si celano creature mostruose con il potere sui vivi e sui morti. La prima puntata della sesta stagione, andata in onda in America nella notte tra domenica e lunedì, è stata scaricata illegalmente più di un milione di volte in mezza giornata, con picchi di oltre 200 mila download simultanei. Un’altra data importante è quella del 10 maggio 2016. Anche qui è Sky Atlantic il canale su cui sintonizzarsi per vedere la seconda serie di Gomorra.  Sei puntate, con due episodi da un’ora ciascuno. Nuovi colpi di scena e gli intrighi animeranno le vicende dei protagonisti in una serie ancora più violenta della prima. Nel frattempo è già in cantiere la terza stagione. Le riprese cominceranno a ottobre per ritornare ancora in onda nella primavera del 2017. Il 2 maggio su Fox Life comincia anche The Catch, la nuova creazione del genio Shonda Rhimes, l’ideatrice di Grey’s Anatomy, Scandal e Le Regole del delitto perfetto. È la storia di un’investigatrice privata che a pochi giorni dal matrimonio scopre la sparizione del fidanzato con i suoi risparmi.

VINTAGE – A Bologna dal 3 all’8 maggio, il Future Film Festival festeggia il 50° anniversario del primo episodio di Star Trek (in onda negli Usa l’8 settembre 1966). Una serie di 700 episodi e più di 10 film che hanno permesso a Spock e al Capitano Kirk  di entrare nell’immaginario collettivo.