Gubitosi mischia le carte dei corrispondenti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

A Viale Mazzini si balla il valzer dei corrispondenti. I direttori dei tiggì avrebbero voglia di organizzare le danze a Saxa Rubra, ma il direttore generale non ci pensa nemmeno. Morale della favola: decide tutto Luigi Gubitosi e i direttori dei tiggì si vedono passare le nomine sulla testa. Compresa la decisione di far convogliare i siti delle testate in un unico portale, con Monica Maggioni in cabina di regia, in barba ai direttori di Tg1, Tg2 e Tg3. A Saxa Rubra restano le visite di rappresentanza, come quella in programma per oggi, in cui Gubitosi e Tarantola accompagneranno una delegazione della commissione Vigilanza interessata a conoscere la città dell’informazione. E intanto i direttori dei tiggì vorrebbero conoscere e pilotare anche le carriere dei colleghi in corsa per le sedi estere Rai. Qui si prevede una rivoluzione. Il vento di Gubitosi fa muovere la girandola a Pechino e Bruxelles, a Berlino e in Medio Oriente. Le bordate potrebbero arrivare anche a Mosca e Washington. A Bruxelles sembra scontano l’arrivo da Berlino di Marco Varvello che prende il posto di Mariolina Sattanino passata a Rai Quirinale. In Germania dovrebbe arrivare dal Tg1 Nicoletta Manzione (che a sua volta lascerebbe la poltrona di capo degli esteri ad Alberto Romagnoli). Confermato a Parigi Antonio Di Bella (come secondo è in lizza Stefano Ziantoni). A Pechino si sta tentando di convincere Duilio Giammaria, il quale però vuole rimanere a Unomattina per conto della rete. Giovanni Masotti rischia grosso a Mosca. Marc Innaro potrebbe lasciare Il Cairo per sbarcare nella capitale russa. Per l’Egitto si fa il nome di Giuseppe Bonavolontà reduce dal Libano. Il giornalista del Tg3 e Raffaele Fichera sono in cima alla lista di Bianca Berlinguer che li vorrebbe in organico (anche perché è alla ricerca del quirinalista) ma i due dovrebbero restare all’estero. Fichera da Buenos Aires dovrebbe trasferirsi a Gerusalemme. Mentre Claudio Pagliara si sposterebbe a Washington. Per New York, con Gerardo Greco ad Agorà, si attende l’esito del contezioso che riguarda Tiziana Ferrario. Poi toccherà a lei trasferirsi nella Grande Mela.

Mazza rifà il processo

Mauro Mazza, neo direttore di Rai Sport, si è insediato da un paio di settimane. Sta lavorando a dei progetti che riguardano il primo dei due canali (l’altro resterà a disposizione del contratto di servizio). Mazza sta cercando un conduttore per affidargli una nuova edizione del Processo (senza Biscardi, ovviamente) in prima serata al lunedì.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA