Guerra Ucraina Russia, Kiev: “Più di 40 soldati ucraini e circa 10 civili sono stati uccisi”. Il comando militare ucraino parla di 50 militari russi morti nella regione di Lugansk

Guerra Ucraina Russia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Più di 40 soldati ucraini e circa 10 civili sono stati uccisi”. È questo il primo bilancio della guerra Ucraina Russia dopo l’attacco sferrato da Mosca all’alba di oggi (leggi l’articolo). Stando a quanto riporta Sky News, un consigliere dell’ufficio presidenziale ucraino ha fornito un primo bilancio dell’attacco russo in Ucraina, che ha già determinato alcune vittime tra i civili.

Guerra Russia Ucraina, 50 miliari russi morti nella regione di Lugansk

Sarebbero invece 40 i soldati uccisi, mentre diverse dozzine sono rimaste ferite, come riportato anche dal presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy, che ha chiesto di donare sangue proprio per loro nel corso del suo intervento stamane. Una delle vittime odierne tra i civili, sarebbe un giovane, ucciso dopo che un condominio è stato bombardato a Kharkiv.

Il comando militare ucraino ha riferito l’uccisione di “circa 50 occupanti russi” nei combattimenti a Shchastia, cittadina nella regione di Lugansk. “Shchastya è sotto controllo, 50 occupanti russi sono stati uccisi, un altro caccia russo è stato distrutto nel distretto di Kramatorsk, questo è il sesto”, hanno fatto sapere le autorità militari.

“So che più di 40 soldati ucraini sono stati uccisi e diverse decine sono rimasti feriti e si parla di una dozzina di civili uccisi” ha dichiarato il consigliere del presidente ucraino, Oleksiy Arestovych. Le perdine, secondo quanto riferisce il governo di Kiev, sono state causate da attacchi aerei e missilistici.

Il presidente ucraino Zelensky ha lanciato un appello affinché i cittadini ucraini donino il sangue, “ne hanno bisogno i militari feriti”. Zelensky ha spiegato che la Russia ha effettuato attacchi missilistici sulle infrastrutture e sulle guardie di frontiera ucraine con esplosioni che si sentono in molte città del paese. Il presidente ha invitato la popolazione a restare a casa e di mantenere la calma: “L’esercito è operativo. Sarò con voi costantemente. Siate forti. Vinceremo perché siamo l’Ucraina. Gloria all’Ucraina”.