I 49 migranti delle navi Sea Watch e Sea Eye saranno accolti in 8 Paesi, tra cui l’Italia. Salvini: “Cedere alle pressioni e alle minacce dell’Europa e delle Ong è un segnale di debolezza”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il premier maltese Joseph Muscat ha annunciato il via libera all’accordo europeo sui 49 migranti delle navi delle ong tedesche, Sea Watch e Sea Eye, da 19 giorni in mare. Malta trasferirà sulle proprie navi i migranti che saranno redistribuiti tra 8 Paesi Ue, tra cui l’Italia. “L’operazione per trasferire i migranti sulle navi delle nostre forze armate – ha detto Muscat – inizierà il prima possibile. Alle barche delle ong Seawatch 3 e Albrecht Penck – ha aggiunto il premier maltese – sarà chiesto di lasciare le nostre acque territoriali immediatamente dopo il trasferimento dei migranti”.

Gli 8 paesi che contribuiranno al ricollocamento sono Germania, Francia, Portogallo, Irlanda, Romania, Lussemburgo, Olanda e Italia. “In segno di buona volontà – ha spiegato Muscat – da parte di coloro che hanno riconosciuto le missioni di salvataggio effettuate da Malta nei giorni scorsi, altri 131 migranti già a Malta saranno trasferiti in altri Stati membri. Accogliamo con favore questa dimostrazione di solidarietà – ha concluso il premier maltese – a riconoscimento del fatto che Malta ha fatto molto di più di ciò che gli spettava”.

“Mentre col premier e col ministro dell’Interno polacco parliamo di protezione delle frontiere esterne dell’Europa e di sicurezza, leggo che a Bruxelles fanno finta di non capire e agevolano il lavoro di scafisti e Ong”, ha commentato il ministro dell’Interno Matteo Salvini. “Sono e rimarrò assolutamente contrario a nuovi arrivi in italia. E continuo a lavorare – ha aggiunto – per espellere i troppi clandestini già presenti sul nostro territorio. Cedere alle pressioni e alle minacce dell’Europa e delle Ong è un segnale di debolezza che gli italiani non meritano”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA