I giornali della Capitale (interessati) fucilano Marino

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Gaetano Pedullà

I giornali, è risaputo, sono ormai più la clava dei loro editori che un corretto strumento di informazione per i lettori. Chi sfoglia i quotidiani non è fesso, e per questo ha smesso di andare in edicola. Sai che divertimento vedere colpi bassi e regolamenti di conti tra gruppi industriali, banchieri e costruttori contro politici e amministratori, mentre le notizie vengono stravolte, relegate in poche righe o enfatizzate all’inverosimile a seconda della convenienza di chi scrive (o fa scrivere). L’esempio più alto e sinceramente indigesto si sta registrando da alcuni mesi nella Capitale. I due quotidiani più antichi – Il Messaggero e Il Tempo – stanno conducendo una battaglia che è a dir poco sospetta contro il primo cittadino. Ora sarà pur vero che la città ha enormi problemi, che non ci sono soldi per le manutenzioni, per i servizi, per accontentare ogni genere di categoria (dai vigili urbani ai dipendenti delle municipalizzate) ma dare la colpa di tutto (e di più) solo al sindaco Ignazio Marino è a dir poco mistificante. L’ultima perla, mai vista su un quotidiano che ha avuto grande prestigio, è l’editoriale uscito sul Tempo del 24 dicembre. Un articolo in cui si ripete per l’ennesima volta (ci hanno scritto pagine e pagine) l’invito a Babbo Natale a portarsi via Marino. Fino a qui, dunque, niente di nuovo. La novità sta invece in fondo all’articolo, dove a firmare sono addirittura i “Giornalisti, tipografi e amministrativi de Il Tempo”. Una voce corale, insomma, perchè si capisca che la battaglia non è solo dell’editore o del direttore. Quello che il giornale non dice con altrettanta coralità è cosa si aspetta dal sindaco lo stesso editore. Aspettativa evidentemente fin ora delusa. Chissà che non abbia a che fare con licenze edilizie e permessi di cui è responsabile l’amministrazione comunale. Si capisce un po’ di più, invece, leggendo Il Messaggero, altrettanto ruvido – ma senza scomodare Babbo Natale o altre favolette per bambini – con il sindaco. Qui la partita riporta ai pagamenti del Comune verso la società costruttrice della linea C della metropolitana. Società costruttrice dove l’editore del quotidiano è importante azionista. Ma non è detto che questo sia l’unico motivo della pressione. Così la stampa romana macina il Campidoglio. Se un giorno cambierà registro ci sarà da preoccuparsi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica finita nel cesso

Passando al cesso più tempo della media – tra una foto ricordo e l’altra – a Sgarbi dev’essergli caduto dentro il cervello. Non può spiegarsi diversamente lo stupore che l’ha colto quando ieri migliaia di persone l’hanno sommerso di insulti per le volgarità gratuite che

Continua »
TV E MEDIA