I rapper sono figli di Celentano. Jovanotti, J-Ax e Fedez i più ascoltati dai giovani Ma in Italia è stato il Molleggiato a inventare il genere

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Angelo Costa

I rapper sono in cima alle Hit Parade. Anche in Italia, nella patria dei menestrelli e delle canzonette sanremesi, ma anche dei cantautori e dei testi impegnati. Ma ai giovani di oggi “non ne può fregà di meno” di Guccini, De Gregori e De Andrè. Ma neanche del Volo, gli ultimi vincitori si Sanremo. Loro hanno “una certa” predisposizione per i rapper. Se si considera che nella top mondiale di Spotify, tra i brani più scaricati e visti in streaming in testa c’è Drake e in quella italiana troviamo J-Ax e Fedez, rispettivamente al secondo e terzo posto dopo Jovanotti che vanta 41 milioni di play. Lorenzo Cherubini è un altro protagonista della musica italiana i cui esordi sono stati segnati proprio con dei brani rap.

VERSI RITMATI
Un genere che è caratterizzato da una sequenza di versi molto ritmati, incentrati su tecniche come rime baciate, e assonanze tra le parole. Il rapper scandisce i versi, tanto per poter esibirsi non è necessario possedere una voce eccellente. Molte canzoni assomigliano a degli scioglilingua parlati molto velocemente. Ma in pochi forse ricordano che la prima canzone rap in Italia è datata 1972.

MOLLEGGIATO
È stato Adriano Celentano a inventarsi un brano goliardico e sui generis come Prisencolinensinainciusol che diventò un balletto in voga in quegli anni, soprattutto in tv (indimenticabile la performance con Raffaella Carrà). Frasi e parole incomprensibili ritmate in maniera accattivante per coinvolgere il pubblico. Un linguaggio, a metà tra l’inglese maccheronico e il dialetto milanese, che Celentano definì amore universale, l’unico significato di un testo che voleva dimostrare come già 43 anni fa l’incomunicabilità spadroneggiasse tra gli individui e la società. Recentemente perfino gli americani hanno riconosciuto a Celentano il primato di essere stato un rapper prima ancora che il rap fosse inventato.

I MIGLIORI
Oltre a Drake, tra i rapper va fortissimo Eminem. Mentre in Italia dopo l’ondata degli Articolo 31 e Fabri Fibra ecco che Fedez, J-Ax spiccano il volo mentre anche il dialetto diventa protagonista nei brani di Clementino, Rocco Hunt e tanti altri.

LE CLASSIFICHE
Tornando a Spotify la canzone più ascoltata del 2015, sia in Italia che nel resto del mondo, è Lean On con quasi 14 milioni di streaming. Tra le donne invece spopola sempre Rihanna. Precede nell’ordine Ariana Grande, Nicki Minaj, Beyoncé, Ellie Goulding.
Mentre le canzoni virali sono: Sugar e Hotline Bling, quest’ultima di Drake. Tanto per restare in tema.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA