Il Belpaese delle Meraviglie. Crozza come Noschese: tutti vogliono essere imitati. Grazie a lui popolarità alle stelle per Ferrero e Razzi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Alighiero Noschese è stato il più grande imitatore apparso in tv. I politici gli chiedevano espressamente di essere imitati, sia per acquisire maggior visibilità, sia per non essere considerati come personaggi di secondo piano. Paradossalmente, diventare una macchietta di Noschese era sinonimo di massima notorietà. Oggi il ruolo che fu del grande Alighiero negli anni 60’ e ’70 è stato preso da Maurizio Crozza. L’attore, conduttore e imitatore riesce a far vivere i personaggi nel suo Paese delle Meraviglie. Tutti vorrebbero salire sulla giostra. Gli ultimi imitati come l’onorevole Razzi e il viperetta Ferrero dovrebbero fare un monumento all’attore per la popolarità loro concessa. La copertina di Crozza a Ballarò è diventata un cult della tv. Un appuntamento atteso dal grande pubblico più del talk condotto per oltre un decennio da Giovanni Floris. Oggi il sodalizio tra i due prosegue su La7. E anche in questo periodo che non vede i talk al massimo splendore per colpa della credibilità dei politici ridotta al lumicino, la copertina di Crozza, da quest’anno a DiMartedì, resta sempre il picco di ascolti più alto della trasmissione. Anche lo stesso Ballarò quasi sempre non raggiunge il livello di share del competitor Crozza.

IL PADRINO
L’ultima performance di Crozza, che proprio oggi compie 55 anni, è stata l’imitazione di don Vito Corleone. Le sue battute sono già un tormentone sui social network. Perché fanno divertire ancora di più del trucco. Don Vito Corleone ha commentato la Mafia Capitale dicendo: “A Roma mi sento a casa, come a Palermo. Forse a Roma ci sono solo un po’ più di mafiosi”. Poi ha continuato con “L’operazione Mondo di mezzo, visto quanti ne hanno arrestati, l’avrei chiamata Mezzo mondo”. Con una chiosa originale nel gioco di parole: “Con l’operazione Mondo di mezzo i carabinieri hanno voluto fare un omaggio a Michelangelo: rinvio a giudizio universale. Da un affresco a tutti al fresco”. Come si può non applaudire.

RAZZI, RENZI E FERRERO
Razzi che storpia le parole (e che Crozza rende ancora più ignorante). Renzi con i denti sporgenti alla Jerry Lewis. E Ferrero che sembra un ubriaco che barcolla continuamente sono le nuove perle del repertorio dell’attore. I pilastri di questa edizione di Crozza nel Paese delle Meraviglie. Trasmissione che quest’anno può vantarsi di essere la più vista in prima serata su La7. Ha superato pure Santoro che l’anno scorso gli era davanti. In verità Servizio pubblico è scivolato da solo, crollando negli ascolti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra il M5S e il Ponte sullo Stretto

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA