Il dopo Cracco è donna. Antonia Klugmann è stata scelta come nuova giudice di Masterchef

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sulla capacità di grande chef non ci sono dubbi: Antonia Klugmann, triestina di 38 anni, ha già conquistato una stella Michelin con il ristorante L’argine di Vencò, aperto in provincia di Gorizia. Il problema, però, è un altro: dovrà sostituire a Masterchef Carlo Cracco, che – a ragione – è ritenuto uno dei padri del programma televisivo di Sky. Lo chef veneto, infatti, era il “duro” del gruppo, il giudice che con sguardi sprezzanti e battute taglienti stroncava quasi tutti i concorrenti. Il suo addio era nell’aria da tempo, ma ha atteso la fine della scorsa stagione per renderlo ufficiale.

Antonia Klugmann, quindi, nella prossima edizione di Masterchef è chiamata a un compito molto difficile, da un punto di vista mediatico. Certo, dalla sua ha un vantaggio: affiancarsi a Bruno Barbieri, Joe Bastianich e Antonino Cannavacciuolo, che formano una brigata già funzionante. Klugmann ha una carriera di tutto rispetto con una cucina particolarmente attenta al territorio: la sua scelta è quella di andare controcorrente, visto che il mainestream richiede una buona dose di esterofilia. Tanto per fare un esempio: tra le pietanze più famose c’è il risotto burro e salvia.

Il nome della chef circolava da mesi come possibile quarto giudice: la presenza femminile era una strada sostanzialmente già annunciata, anche se per concretizzarla era necessaria l’uscita di scena di uno dei protagonisti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA