Il giallo del break sparito a Raiuno

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Ci mancava pure il break saltato a far catapultare dalla sedia i vertici di Viale Mazzini. Sabato scorso alla fine di Affari tuoi (4.870.000 spettatori e il 20,46% di share) è cominciato subito Ballando con le stelle. In pratica Milly Carlucci ha aperto le danze senza aspettare il consueto break pubblicitario. Quello del sabato sera in prime time, il più importante della settimana. Che facendo due conti può costare anche 300-400 mila euro, visto che la Rai non ha abbassato i prezzi più di tanto per non svendere uno spazio e declassarlo. Come mai quel break non c’era? Che cosa è successo? Morale della favola: lo spazio pubblicitario risulta invenduto. O almeno così sembra, secondo quanto si dice nelle stanze che contano. Quello che appare veramente strano, se non addirittura clamoroso, è il fatto la Rai non sia riuscita a vendere uno spazio strategico e appetibile come quello del sabato sera con quasi 5 milioni di spettatori sintonizzati su Raiuno. A meno che non si sia voluto farlo saltare appositamente per agevolare gli ascolti di Milly, impegnata in un testa a testa con Maria De Filippi. Comunque resta il giallo.
L’X FACTOR DEI RECORD
Quella attuale si preannuncia come la stagione più ricca di ascolti per X Factor dell’era Sky. Il talent sta polverizzando di puntata in puntata tutti i record precedenti. La prima puntata a eliminazione diretta dell’era Sky fu vista in media da 954.000 spettatori. Nei mesi precedenti c’era stata una grande attesa, dopo l’addio non senza polemiche e rimpianti da Raidue di Simona Ventura e la sua squadra.
Giovedì scorso, con la prima gara a eliminazione dell’ottava edizione, X Factor con Victoria Cabello è stato visto da circa un 20% in più di spettatori. La media è stata di 1.078.000 per uno share del 4,9%. In pratica ha fatto meglio di Rai 2, Rai3 e Retequattro, rispettivamente di un talk politico, del film Diaz e di Life (il Quark di Mediaset). Solo la fiction Che Dio ci aiuti (sfiorati i 7 milioni), Zelig e la partita del Torino in Europa League hanno fatto meglio. Con Servizio pubblico di Michele Santoro è stato un testa a testa. Alla fine il talk di La7 ha portato a casa una media di 1.340.000 spettatori con il 5,95 di share. Non va dimenticato che X Factor è vista solo dagli abbonati Sky. E quindi il 4,9% di share è da considerare un grandissimo risultato. A mezzanotte e 19 minuti il talent ha fatto registrare il picco di share 6,89% mentre alle 22:24 erano 1.372.000 gli spettatori sintonizzati su SkyUno che è risultato il quinto canale nazionale più visto. Il terzo, dopo Raiuno e Canale 5, nel target commerciale 15-54 anni con il 7,87% di share. Se si tiene conto solo dei canali del bouquet Sky la rete ammiraglia dell’intrattenimento della piattaforma di Murdoch ha stravinto la serata con il 22,20% di media e un picco del 26,77%. In pratica quello che ha fatto Raiuno con la fiction tra le reti generaliste.

LOURDES FA MIRACOLI
Tv2000 si appresta a entrare in una nuova era. Più attualità e informazione. Una tv meno bigotta più al passo coi tempi. Tuttavia non va sottovalutato che il pubblico che segue l’emittente dei vescovi ha nel Rosario da Lourdes il clou. L’appuntamento pomeridiano dal santuario della Madonna è visto in media da oltre mezzo milione di spettatori per uno share del 4,33%.