Il gioco si fa duro: Baldini molla Fiorello

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Dopo che negli ultimi dieci giorni era diventato uccel di bosco, tanto da aver scatenato le opinioni e la curiosità dei fans sul web e sui social network, Marco Baldini ha gettato la spugna. Ha deciso di lasciare il programma di Radio 1 con l’amico Fiorello. «Siccome non sono più in grado di garantire un buon livello di professionalità, preferisco non danneggiare Fuoriprogramma e lasciare la trasmissione con Fiorello su Radio1», ha detto lo sparring partner dello showman siciliano. Che su twitter prima e poi all’Ansa ha detto: «Avremmo voluto che restasse. Prendiamo atto della decisione di Marco ma ci dispiace tantissimo perdere uno come lui. Ognuno è libero di fare le sue scelte. Se per lui va bene così, ok. Prima o poi ci si rincontra. Per me è importante che lui stia bene e che non si cacci nei guai. Il resto viene dopo». Al programma di Radio 1 hanno rifatto la sigla con Jovanotti che ricanta dopo aver provveduto a eliminare il nome di Baldini. Al suo posto arriva l’imitatrice Gabriella Germani. Ma perché Baldini ha deciso di farsi da parte? A quanto pare i debiti di gioco continuano a tormentarlo e non è più sereno per continuare la trasmissione su Radio1.

 

I 4 MILIONI DI BENIGNI IN VIGILANZA

Il compenso di Roberto Benigni per i Dieci Comandamenti e per un altro programma in Rai, questa volta in seconda serata, approda in Vigilanza. Il presidente Roberto Fico ha scritto su Facebook: «Ho chiesto chiarimenti alla Rai sulle due puntate che Benigni dedicherà ai Dieci Comandamenti in programma il 15 e 16 dicembre su Rai Uno. In questi giorni circolano sulla stampa una serie di indiscrezioni sul cachet in trattativa tra Rai e Lucio Presta, il manager dell’attore. Si parla di circa 4 milioni di euro, di cui 2,4 destinati allo show I Dieci Comandamenti, e 1,6 indirizzati a una futura trasmissione in seconda serata».

 

QUANDO IL FORMAT FUNZIONA

Una trasmissione come Quarto grado continua a crescere. Negli ultimi anni è cambiato il conduttore ma gli ascolti non ne hanno risentito più di tanto. Al contrario di altre trasmissioni che sembrano perfettamente calzanti per determinati conduttori.

Basta fare qualche esempio. Porta a Porta senza Bruno Vespa non avrebbe modo di esistere. Anche a Matrix non è stato facile sostituire Enrico Mentana.

Il caso di Ballarò e Giovanni Floris è emblematico. Dal divorzio ci hanno perso sia il programma sia il conduttore.

Tornando a Quarto grado bisogna dire che l’ultima puntata condotta da Salvo Sottile (7 giugno 2013) ottenne un ascolto di  1.772.000 spettatori, 8,42% di share.

Venerdì scorso Gianluigi Nuzzi ha stabilito il record stagionale: 2.249.000 spettatori, 10,24% di share. Nonostante ci fosse Tale e Quale Show su Raiuno. Non va dimenticato che numeri su di giri li aveva anche Sottile: il 15 marzo 2013 inchiodò all’ascolto una media di 2.390.000 con il 10,27% di share. Risultati che attestano la validità del format e della squadra guidata da Siria Magri.

Tuttavia, sorprende il fatto che in un periodo in cui la cronaca spadroneggia in tv rispetto alla politica a La7 un cronista come Sottile se ne sta in panchina.