Il miracolo di Suor Cristina risveglia Raidue

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Tra i tre canali generalisti della Rai quello che negli ultimi anni ha perso più ascolti è Raidue. Dall’inizio dell’anno però il direttore Angelo Teodoli sta cercando di invertire la rotta. E qualche risultato si comincia a vedere. Prendiamo ad esempio la prima serata. Dall’inizio del 2014 Raidue ha perso share, come tutte le reti generaliste, ma il calo è stato lieve (-0,11%). Anzi, la rete di Teodoli è quella che si è difesa meglio. Tutte le altre hanno perso di più. La media share del prime time è di 6,74%. Il competitor Italia 1 è sotto (6,41%). Raitre è a un tiro di schioppo (7,28%). In attesa di Vasco Rossi, programmato per l’8 maggio, e della nuova serie di Rex, va detto che Raidue ha raccolto consensi grazie a The Voice, edizione fortunata per la scoperta di suor Cristina, e a Made in Sud. Si difende molto bene anche Virus, il talk condotto da Nicola Porro, che ha trovato nel venerdì sera la collocazione ideale. Si parla tanto del successo di Piazza pulita di Corrado Formigli su La7, ma se si confrontano i dati di ascolto, Virus è più o meno sullo stesso livello. Nelle prime 10 puntate del 2014 lo share medio della trasmissione di Porro è  stato del 4,42% con un ascolto medio di 1.120.000 persone. Lo share medio del programma di La7 nelle prime 10 puntate del 2014 è del 5,01%. Formigli è stato visto in media da 1.159.000 persone  (Virus da 1.120.000). Il programma di Porro prende la linea dalla rete in media al 2,8% e la restituisce al 5,5%.  Piazza Pulita vanta un traino migliore (la Gruber), prende la linea al 4,06% e dura un’ora in più.

 

Ciao Arcuri, ecco Luxuria

Al Grande fratello cambio della guardia tra gli opinionisti. Manuela Arcuri saluta la casa e arriva Vladimir Luxuria. L’attrice non va via certo per demerito ma perché la sua uscita era già stata concordata alla vigilia.

 

La convenzione di Sorgi

Marcello Sorgi e la Rai. La sua presenza sta diventando una specie di apparizione. Il nome dell’ex direttore della Stampa viene associato a più di un incarico. Fallita la direzione al giornale radio, ecco che ora potrebbe diventare il capo del pool che si occuperà di tenere rapporti e trattare con lo Stato per il rinnovo della concessione che scade nel 2016. Potrebbe essere lui e non Carlo Nardello a spianare la strada per la firma del dg Gubitosi.

 

Interrogazione per Toaff

Daniel Toaff, l’ex vicedirettore di Raiuno, ora passato a Canale 5, è oggetto di un’interrogazione parlamentare perché andando via dalla Rai, nonostante abbia percepito una buonuscita è andato a lavorare alla concorrenza. A quanto pare ora starebbe cercando di convincere Mara Venier ad abbracciare il Biscione.