Il Mondiale in Russia passa da Palermo. Italia-Albania, le formazione degli azzurri con Belotti-Immobile

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’Italia deve battere l’Albania per sperare nella qualificazione diretta al Mondiale in Russia. A Palermo, domani, serve una prestazione senza distrazioni. Il girone, infatti, vede gli azzurri appaiati alla Spagna, che ha però il vantaggio di aver segnato di più. Quindi il match di ritorno contro gli iberici sarà uno spareggio per il primato. Ma a quell’appuntamento bisogna arrivarci in una condizione di parità.

Il commissario tecnico, Giampiero Ventura, ha già pronta la formazione chiamata a superare l’Albania allenata da Gianni De Biasi, che dopo l’esperienza all’ultimo Europeo sogna di giocare anche il Mondiale del 2018. Gli azzurri punteranno sulla coppia gol abbondamente collaudata e formata da Andrea Belotti e Ciro Immobile. I due attaccanti hanno le qualità perfette per integrarsi e fare male: dalla panchina è pronto a subentrare Eder, mentre parte più indietro nelle gerarchie l’ariete dell’Atalanta Andrea Petagna.

Sulle fasce l’allenatore ha optato per una soluzione offensiva con Lorenzo Insigne a Antonio Candreva, che dovranno comunque sacrificarsi in fase difensiva. A centrocampo Daniele  De Rossi ha battuto la concorrenza, a cominciare da quella di Marco Parolo, conquistandosi il posto da titolare al fianco dell’intoccabile Marco Verratti. Tutto deciso pure per la difesa: in porta Gigi Buffon sarà protetto dalla coppia di centrali tutta juventina, composta da Andrea Barzagli e Leonardo Bonucci, mentre Davide Zappacosta e Mattia De Sciglio agiranno da terzini.

Le probabili formazioni di Italia-Albania

Italia (4-2-4): Buffon; Zappacosta, Barzagli, Bonucci, De Sciglio; Verratti, De Rossi; Candreva, Belotti, Immobile, Insigne. All.: Ventura.

Albania (4-5-1): Hoxha; Hysaj, Veseli, Mavraj, Agolli; Roshi, Lila, Xhaka, Memushaj, Lenjani; Balaj. All.: De Biasi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA